Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

I Crociati di Johannes Lehman

Argomento: Storia

di Alberto Castrini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/03/2019 23:47:08

Si può leggere un saggio storico e sorridere? Sì, è il caso di questo testo, scritto con stile brillante ed ironico.

L'autore palesa subito di non ammirare lo scopo delle crociate e non evita pungenti riferimenti al quotidiano.

Contesta che le Crociate siano sette, perché si tratta solo una semplificazione degli storici, si concentra principalmente sulla Prima, quella della conquista di Gerusalemme da parte di Goffredo di Buglione.

Ma è persino la motivazione della Prima che viene contestata, con i suoi tentennamenti, le stragi degli ebrei al procedere dei pellegrini.

Ovviamente i personaggi vengono vivisezionati, perché si parla di Crociati non di Crociate, con le loro debolezze, meschinità e spirito di rapina e gli accordi con i nemici musulmani per contrastare gli amici cristiani.

Non sfuggono all'analisi le avidità degli ordini cavallereschi e l'enigmistico intreccio delle parentele dei regnanti di Gerusalemme, assemblate al solo scopo di mantenere solo l'immagine di un regno.

Ed è significativo che le successive crociate non si pongano più nemmeno il compito di riprendere Gerusalemme, ma solamente i vari principati, fondati da chi s'era installato prima ancora di ottemperare al giuramento della liberazione.

Grande risalto è data alla figura, divenuta subito leggendaria, per il comportamento “da vero cristiano” del curdo Saladino.

Il testo è corredato da numerose cartine che illustrano opportunamente le località.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Alberto Castrini, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Storia ] La Grande guerra, un racconto in cento immagini (Pubblicato il 10/01/2019 22:19:04 - visite: 81) »

:: [ Letteratura ] la lotta col demone: hölderlin, von kleist, nietzsche (Pubblicato il 20/12/2018 21:46:34 - visite: 111) »

:: [ Politica ] La scuola dei dittatori di Ignazio Silone (Pubblicato il 27/06/2018 21:32:02 - visite: 109) »

:: [ Musica ] Guida al teatro d’Opera di Aldo Nicastro (Pubblicato il 16/05/2018 22:11:43 - visite: 96) »

:: [ Fede ] Dio e il suo destino (Pubblicato il 15/07/2017 21:48:41 - visite: 410) »

:: [ Letteratura ] Louis-Ferdinand Céline gatto randagio (Pubblicato il 29/05/2017 22:10:59 - visite: 436) »

:: [ Musica ] Mille e una Callas. (Pubblicato il 20/05/2017 22:37:47 - visite: 390) »

:: [ Arte ] Da Hayez a Boldini. (Pubblicato il 06/05/2017 22:03:47 - visite: 329) »

:: [ Musica ] La musica nel castello del cielo (Pubblicato il 14/04/2017 22:52:55 - visite: 337) »

:: [ Storia ] Robespierre di mario mazzucchelli edizione 1930 (Pubblicato il 23/11/2016 22:56:45 - visite: 655) »