Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 76 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Sep 20 14:28:37 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Un’autobiografia in forma di critica

Argomento: Filosofia

di Martina Dell’Annunziata
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 24/08/2019 18:59:31

Il Contributo alla critica di me stesso1 è il vero e proprio testamento di Benedetto Croce. Scritto di getto in soli tre giorni, tra il 5 e l'8 aprile del 1915, con una rapidità di elaborazione che troverebbe immediata giustificazione nel desiderio che si accende nell'animo di chi, giunto alla fine dei propri giorni, consegni ai posteri le ultime volontà, raccogliendo in fretta le propire memorie. Ma oltre quarant'anni sarebbero trascorsi fra la stesura di quel testamento e l'ora della dipartita, e, certo, Croce non poteva saperlo. Neppure si sbaglia del tutto chi convenga di coglierne il motivo di fondo nel generale 'senso della fine' di una civiltà che, nell'anno in cui l'opera è datata, si ritrovava già in assetto di guerra.

 

Ancorché testamento, il Contributo non si lascia leggere come un'autobiografia. «Né confessioni, né ricordi, né memorie», scrive Croce in apertura al testo: non vi si troverà in queste pagine nulla che possa offrirsi al lettore a comporre una cronaca, o un'aneddotica, di personali vicende, quasi a prendere le distanze dall'intero genere letterario, ché a voler dare alla «propria transeunte individualità» la forma del racconto, presto ci si accorgerà di aver eretto a monumento della propria vita un'apologetica oppure un'autoaccusa, secondo il sentimento del momento in cui si scrive.

 

Dunque, non la cronaca di se stesso, ma la critica di se stesso è quel che Croce propone col proprio Contributo, riuscendovi senza difficoltà e infingimenti, poiché «la cronaca della mia vita», egli ricordava, «è tutta nella cronologia e nella bibliografia dei miei lavori letterari».
Facendo su di sé il medesimo lavoro che, affermava Goethe, lo storico fa lavorando sugli altri, e potendovi riuscire per il fatto di essersi risolto "tutto nel pensiero", nella completa dedizione al lavoro, in ciò che fu la sua missione e vocazione di storico e di filosofo, Croce ripercorreva «lo svolgimento etico e intellettuale» della sua vita, in cui opere e biografia si tengono insieme, cancellando ogni linea di demarcazione tra l'uomo pubblico e il cittadino privato, il politico e il filosofo, in cui sempre rischia di sdoppiarsi l'individuo che conosce successo e stima.

 

Non si può negare che ad attraversare le pagine del Contributo vi sia l'accenno ad una conquista. È un ideale antropologico più compiuto e pacificato la meta verso cui Croce dichiarava di essersi finalmente messo in cammino, ed anche l'indirizzo del pensiero e la forma del sistema filosofico che andava via via compiendosi acquisivano in quegli anni un grado di chiarezza e maturazione mai più superato. Così, fuor di ogni autobiografismo, veniva delineandosi l'immagine definitiva, e che ancora oggi conserviamo, dal maestro di Palazzo di Filomarino: «[...] ho conquistato la calma, che la maturità degli anni di gioventù porta a coloro, che, beninteso, hanno lavorato per maturarsi».


Il Contributo si rivela in ultimo un saggio pedagogico, l'unico che Croce abbia scritto, nell'unica forma in cui avrebbe potuto scriverlo, ossia in polemica con la stessa scienza pedagogica, che circoscrive il momento dell'educazione alla prima parte della vita, quando, invece, il tempo della formazione coincide con la vita intera. Per ciò che concerne quella calma conquistata, bisognava allora specificare in che cosa consistesse: non in godimento e riposo, ma in «fatica e lavoro armonico», nell'unità del sapere e dell'imparare.

 

Modestia e indulgenza del pensiero, raccomandava Croce: in ciò stanno l'uomo e il filosofare. Perché è solo in grazia di uno sforzo continuo di chiarificazione di sé e del reale che può speranzosamente aprirsi agli uomini l'orizzonte dell'avvenire e sostitursi «alla triste immagine dell'umanità cieca, brancolante nelle tenebre, l'immagine eroica di lei, che ascende a claritate in claritatem».

 

Note:

1. Benedetto Croce, Contributo alla critica di me stesso, a cura di G. Galasso, Adelphi, Milano 1989.

 

*** 

 

Martina Dell'Annunziata


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Martina Dell’Annunziata, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Martina Dell’Annunziata, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Arte ] Ancora vita. La pittura di Giorgio Morandi (Pubblicato il 01/07/2019 20:41:11 - visite: 117) »

:: [ Letteratura ] E come il vento: l’Infinito di Davide Rondoni (Pubblicato il 16/06/2019 20:05:36 - visite: 170) »

:: [ Poesia ] Il Canzoniere dell’assenza di Antonio Spagnuolo (Pubblicato il 19/05/2019 12:43:01 - visite: 46) »

:: [ Poesia ] I Canti territoriali di Pier Luigi Bacchini (Pubblicato il 18/05/2019 20:14:17 - visite: 146) »