Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 39 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Nov 12 22:17:18 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

processo di Kafka

Argomento: Letteratura

di Ivan Vito Ferrari
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 19/09/2019 18:50:04

“ Qualcuno doveva aver calunniato Josef F., perché senza che avesse fatto niente di
male, una mattina fu arrestato […] Non era mai accaduto. […] Chi è lei? Chiese K. […]
Ma l’uomo sorvolò sulla domanda, come se tollerare la sua apparizione fosse
necessario. […] Seguirono certe risatine nella stanza accanto. […] Non voglio né
restare qui né che lei mi rivolga la parola, finchè non si sarà presentato. […] Lei non
andarsene, lei è prigioniero. Pare di si, disse K. E perché? Chiese poi. Non siamo
tenuti a dirglielo. Vada in camera sua e aspetti. Il procedimento è stato avviato, e lei
saprà tutto a tempo debito. […] Che razza di persone erano quelle? Di cosa
parlavano? A Quale autorità si rifacevano? […] A K. Appariva irrilevante il rischio
che in seguito si sarebbe detto che non aveva capito lo scherzo. […] Non le è
permesso. Ma com’ è possibile che io sia in arresto? E a questo modo? Ora
ricomincia, disse il sorvegliante. […] A queste domande non rispondiamo. […]
Possibile che non riesca a rassegnarsi alla situazione! Sembra che lo faccia apposta a
irritarci inutilmente, noi, le persone che in questo momento le siamo forse più
vicine! […] Non C’è errore. […] Questa è la legge. Dove sarebbe l’errore.? Io non la
conosco questa legge, disse K. Tanto peggio per lei, disse il sorvegliante. […] Ora
non vuole andare in banca? In banca? Chiese K. Pensavo di essere in arresto. […] Lei
è in arresto, certamente, ma ciò non deve impedirle di assolvere il suo lavoro. […]
Allora essere in arresto non è poi tanto male, disse K. […] Lei è in arresto, è vero, ma
non come viene arrestato un ladro. Se uno è arrestato come un ladro, allora è
brutto, ma quest’arresto, Mi sembra una cosa dotta. […] Siete tutto degli impiegati,
come vedo, siete la banda corrotta contro cui ho parlato, vi siete accalcati qui, per
ascoltare e spiare, avete formato partiti apparenti, uno dei quali ha applaudito per
mettermi alla prova, volevate imparare come si abbindolano degli innocenti! […]
Dov’ era il giudice che non aveva mai visto? Dov’è l’alta corte a cui non era mai
arrivato? Alzò le mani e divaricò tutte le dita. Ma sulla gola di K. Si possono le mani
di uno dei signori, mentre l’altro gli piantava il coltello nel cuore e ve lo girava due
volte.
Queste parole sono tratte dal testo il Processo di Kafka, dove selezionando alcuni
paragrafi significativi, potete trovare l’inizio e la fine del testo, come l’inizio e la fine
di una vita. Senza un motivo logico, il protagonista K., viene arrestato da sconosciuti
che li piombano in casa. Più volte, come si evince nel testo, questi sorveglianti,
mandati in nome di una giuria misteriosa, gli suggeriscono di non fare tante storie e
non sottrarsi al suo destino già prestabilito, pronto a metterlo sulla gogna. Tuttavia,
si evince un alone di mistero e un senso di ironia e di rabbia del protagonista. Per
esempio l’ironia la possiamo percepire quando i sorveglianti lo informano del suo
arresto, visto però non come una cosa negativa: “Lei è in arresto, certamente, ma
ciò non deve impedirle di assolvere il suo lavoro. […] Allora essere in arresto non è
poi tanto male, disse K. […] Lei è in arresto, è vero, ma non come viene arrestato un
ladro. “ Il senso di rabbia, di giustizia, di difesa della propria libertà di K. La vediamo
soprattutto quando il protagonista partecipa alle udienze dove, da una parte prevale
in lui un senso di far una buona impressione sulla giuria, e dall’altro lato, si nutre di
un sentimento di ribellione e di ingiustizia, sfogando tutto ciò che gli passa in mente
in quel momento: “Siete tutto degli impiegati, come vedo, siete la banda corrotta
contro cui ho parlato, vi siete accalcati qui, per ascoltare e spiare, avete formato
partiti apparenti, uno dei quali ha applaudito per mettermi alla prova, volevate
imparare come si abbindolano degli innocenti! La fine del romanzo kafkiano, lascia il
lettore un po’ disorientato, dove ingiustamente Josef K. viene ucciso come un cane,
per una colpa senza una colpa, in un vicolo buio, dimenticato da tutti e senza una
vera giustizia. Quest’ ultima non è in grado di accusarlo con delle prove reali e
concrete, ma anche di difenderlo in nome della libertà. “Dov’ era il giudice che non
aveva mai visto? Dov’è l’alta corte a cui non era mai arrivato? Alzò le mani e divaricò
tutte le dita. Ma sulla gola di K. Si possono le mani di uno dei signori, mentre l’altro
gli piantava il coltello nel cuore e ve lo girava due volte Dov’ era il giudice che non
aveva mai visto? Dov’è l’alta corte a cui non era mai arrivato?
Sicuramente il genio di Kafka sta nel riportare un evento, fuori dal quotidiano, fuori
dai soliti schemi, che però seguono la logica del Essenzialismo. Kafka crea personaggi
reali , come noi, con un proprio percorso nella vita, che vive la solita routine
quotidiana. Quando meno te l’aspetti, succede qualcosa di imprevedibile o di
inaccettabile che ti toglie la forza e il coraggio di continuare a vivere. Non sai cosa
fare e decidi di percorrere due strade: di rifugiarti in un mondo parallelo oppure di
trovare la volontà di affrontare la situazione nuova cercando di superarla, pur non
sapendo se l’esito sarà positivo o negativo. La prima la ritrovo nel romanzo di
Pirandello nel “Il fu Mattia Pascal”, in cui si associa l'idea di fallimento esistenziale,
in cui il protagonista adotta il nuovo nome di Adriano Meis, convincendosi che
liberarsi dalla figura sociale di Mattia (il nome, la famiglia, la vita usuale di tutti i
giorni) sia il primo passo di una nuova vita. In Kafka, al contrario, assistiamo più alla
seconda opzione, dove il protagonista K. cerca in ogni modo di scoprire come un
detective, la critica della sua colpa e perché mai è stato accusato e in nome di che
cosa e soprattutto da chi? Tutte queste domande lo perseguiranno fino alla fine.
Tuttavia non riuscirà mai a scoprirlo e forse questo senso lo farà vacillare. Se vi
soffermate solo un momento, non trovate un’analogia con Il Don Chisciotte che
lottava contro i mulini a vento, che sono la metafora della ricerca dell’identità e di
quella persa, dell’uomo. Anche se Kafka, va oltre, lasciando anche un alone di
mistero che per quanto tu possa darti una spiegazione, non riesci a trovarla. Allo
stesso modo l’Uomo, dotato di intelletto, sa darsi tante risposte a quesiti sulla vita,
tuttavia ci sono domande che rimarranno solo all’ingnoto, al fato o per i credenti a
Dio. L’uomo è chiamato a porsi delle domande su di sé e il mondo, ma deve fare
memoria che essendo solo uomo, non potrà mai raggiungere l’infinito. Un’altra
tematica affrontata dallo scrittore è il senso di giustizia, un argomento che alla luce
dei miei occhi lo ritrovo in persone divenute leggende, che cambiarono
profondamente la Storia, come Martin Luther King, che nel 1963 tenne il famoso
discorso con la famosa frase andata alla storia : “ I have a dream”, dove si batteva
nella lotta contro il razzismo oppure L'apartheid di Nelson Mandela e in Abraham
Lincoln, che nel 1854, tenne un discorso contro la schiavitù . Temi come questi e
persone come queste, mi chiedo oggi che viviamo XXI secolo, se saranno presi in
considerazione o lasciate lì nel dimenticatoio, da ognuno di noi. Sta a noi la
decisione finale, guidati dal libero arbitro, essere attori o persone in carne d’ossa
come disse Pirandello :“Imparerai a tue spese che nel lungo tragitto della vita
incontrerai tante maschere e pochi volti”. “Abbiamo tutti dentro un mondo di cose:
ciascuno un suo mondo di cose! E come possiamo intenderci, signore, se nelle
parole ch’io dico metto il senso e il valore delle cose come sono dentro di me;
mentre chi le ascolta, inevitabilmente le assume col senso e col valore che hanno
per sé, del mondo com’egli l’ha dentro? Crediamo di intenderci; non ci intendiamo
mai!”


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Ivan Vito Ferrari, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.