Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore č soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 61 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat May 23 11:10:33 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La messa del Papa e la storia di Mosč

Argomento: Letteratura

di Bianca Fasano
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 31/03/2020 15:12:38

IL PAPA, MOSè, IL POPOLO NEL DESERTO, I SERPENTI E L’INCAPACITà DEL POPOLO DI RINGRAZIARE CHI CERCA DI TRARLO FUORI DAI GUAI. La messa officiata da Papa Francesco questa mattina, aveva lo scopo di parlare della Croce e dell’importanza salvatrice di questa, che assume come simbolo. Per farlo, il Papa si è rivolto alle scritture, come solitamente si fa in Chiesa durante la messa. Ha letto questo passo: -“In quei giorni, il popolo non sopportò il viaggio. Il popolo disse contro Dio e contro Mosè: «Perché ci avete fatto salire dall’Egitto per farci morire in questo deserto? Perché qui non c’è né pane né acqua e siamo nauseati di questo cibo così leggero». Allora il Signore mandò fra il popolo serpenti brucianti i quali mordevano la gente, e un gran numero d’Israeliti morì. Il popolo venne da Mosè e disse: «Abbiamo peccato, perché abbiamo parlato contro il Signore e contro di te; supplica il Signore che allontani da noi questi serpenti». Mosè pregò per il popolo. Il Signore disse a Mosè: «Fatti un serpente e mettilo sopra un’asta; chiunque sarà stato morso e lo guarderà, resterà in vita». Mosè allora fece un serpente di bronzo e lo mise sopra l’asta; quando un serpente aveva morso qualcuno, se questi guardava il serpente di bronzo, restava in vita.” - L’ascolto su di me ha avuto anche un altro effetto, ossia mi ha fatto riflettere, ricordando in quante occasioni il popolo di Israele, salvato, secondo le scritture, da Mosè, che lo ha liberato (sempre secondo le scritture), dalla soggezione al Faraone d’Egitto, si sia scagliato proprio contro l’uomo che li aveva salvati e li guidava. Certo: la strada verso la “Terra promessa” (che il povero Mosè non vedrà mai perché ha dubitato delle parole di Dio) non era delle più facili. Anche oggi, volendo fare un paragone forte, la strada per noi italiani, allo scopo di uscire dalla prigionia del virus e raggiungere la “terra promessa”, della liberazione da questi, non è facile. Il racconto mi ha fatto pensare a quanto sia difficile per chi detiene un potere (per cui detiene anche la responsabilità di prendere delle decisioni, specialmente senza essere “un Mosè” e senza l’ufficiale aiuto di un dio), essere ascoltato e anche compreso, apprezzato, seguito con fiducia costantemente, dalla cittadinanza. Noi Italiani, come accade nel mondo, in questo periodo di pandemia, siamo costretti a camminare nel deserto della paura e della morte, laddove tanti di noi hanno perduto parenti ed amici, senza neanche avere potuto dare loro un abbraccio, stringendoci nel cuore massacrato soltanto l’ultimo ricordo di uno sguardo e di una parola, sperando che quel ricordo che raccoglie l’anima, sia sereno. Che non abbia, invece, conservato un litigio banale oppure l’impossibilità di un incontro, a causa della divisione cui il virus ci costringe. Intanto: affidiamo la salute dei nostri cari a personale medico ed infermieristico che non conosciamo. Sappiamo che anche loro sono colpiti ogni giorno da “serpenti brucianti” e che nessun Mosè può innalzare un serpente di bronzo sul proprio bastone per mostrarlo loro e neutralizzare il morso omicida. Però un serpente ce lo offre la scienza: quello che è il simbolo della medicina: Il bastone di Asclepio, l’antico simbolo greco che consiste in un serpente attorcigliato intorno ad una verga. L’altro simbolo di salvezza ce l’offre la Chiesa: ed è l’immagine di Gesù sulla croce. Intanto facciamo ognuno di noi la nostra parte cercando di essere più pazienti, nell’attraversare il nostro deserto virale, di quanto facessero gli Ebrei nei racconti biblici. Bianca Fasano. 31/03/2020. Note.Il Signore disse a Mosè: «prendi il bastone; tu e tuo fratello Aronne convocate la comunità e parlate a quella roccia, in loro presenza, ed essa darà la sua acqua; tu farai sgorgare per loro acqua dalla roccia e darai da bere alla comunità e al suo bestiame». Mosè dunque prese il bastone che era davanti al Signore, come il Signore gli aveva comandato. Mosè ed Aronne convocarono l’assemblea’di’fronte’alla’roccia,’e’Mosè’disse’loro’«Ora’ascoltate’o’ribelli;’faremo’uscire’per’voi’acqua’da’questa’roccia?»‘e’Mosè’alzò’la’mano,’percosse’la’roccia’col’suo’bastone’due’volte,’e’ne’uscì’acqua’in’abbondanza;’e’la’comunità’e’il’suo’bestiame’bevvero.’Poi’il’Signore’disse’a’Mosè’ed’Aronne:’«Siccome’non’avete’avuto’fiducia’in’me’per’dar’gloria’al’mio’santo’nome’agli occhi’dei’figli’d’Israele,’voi’non’condurrete’quest’assemblea’nel’paese’che’io’le’do».


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Bianca Fasano, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa puņ sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di pił vai alla pagina personale dell'autore »]

Bianca Fasano, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] Lettera aperta a Papa Francesco. La salvezza del nostro mond (Pubblicato il 17/05/2020 15:12:33 - visite: 33) »

:: [ Fede ] Lasciate decidere a noi cittadini italiani (Pubblicato il 23/04/2020 10:47:08 - visite: 74) »

:: [ Letteratura ] La preda. (Pubblicato il 17/04/2020 19:44:21 - visite: 67) »

:: [ Letteratura ] Un artista molto sfortunato e l’influenza Spagnola del 1918 (Pubblicato il 11/04/2020 19:10:36 - visite: 94) »

:: [ Letteratura ] Quel Papa che dice messa in diretta tv non puņ essere lascia (Pubblicato il 04/04/2020 11:21:06 - visite: 63) »

:: [ Letteratura ] rai tre. Crescenzo invigorito (Pubblicato il 01/02/2020 16:27:45 - visite: 102) »

:: [ Letteratura ] Nik Stupore di Bruno Pezzella. (Pubblicato il 31/01/2020 21:20:23 - visite: 124) »

:: [ Letteratura ] Il suicidio tra i giovani e la nostra responsabilitą sulla p (Pubblicato il 25/01/2020 14:05:08 - visite: 83) »

:: [ Letteratura ] Napoli. Cinema Modernissimo. Film Hammamet. (Pubblicato il 24/01/2020 17:23:04 - visite: 108) »

:: [ Letteratura ] Piccole donne 2020 (Pubblicato il 18/01/2020 15:15:49 - visite: 112) »