Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 92 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jul 5 01:41:39 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Prova d’orchestra di Federico Fellini

Argomento: Cinema

di Martina Dell’Annunziata
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/06/2020 19:18:05

Prova d’orchestra, di Federico Fellini (1979).

 

Un’antica chiesa del Duecento viene allestita ad auditorium per le prove di un gruppo di musicisti. Arriva la televisione a realizzarne le riprese, chiedendo il permesso di intervistare gli orchestrali. Vi si aggiunge anche un sindacalista, a garanzia del rispetto dei diritti di tutti i professionisti presenti. Ma scioperi e proteste contro lo spietato direttore dell'orchestra sono appena dietro l’angolo.

Ogni strumento, infatti, ha le sue ragioni per sentirsi il migliore, il più importante, l’elemento (in senso greco, il fondamentale) di cui non si può fare a meno. C’è chi confessa all’intervistatore invisibile che avrebbe voluto girare il mondo, cavalcando il proprio sogno di solista, vivendo della propria arte; e, invece, ci si scopre miseramente aggrappati ad una quotidiana prova di coralità.

Se nel cuore di ogni orchestra si agita un desiderio di anarchia e di fuga verso il caos, la musica è un rito di transustanziazione: solo il direttore, despota per necessità e sacerdote per virtù, possiede la chiave che conduce fuori del silenzio senza passare per il rumore, trasformando un complesso di materialità in un’armonia intangibile. 

Così, l’autorità, dapprima respinta e sovvertita, è presto restaurata. Nel mezzo, un impulso di rivoluzionaria libertà divenuto distruzione, terrore sanguinario e sacrificio dell’arpa, davvero il più “apollineo” degli strumenti musicali. Infine, come un deus ex machina, è una minaccia esterna  – una palla di ferro demolitrice lanciata contro una parete dell’auditorium - a rimettere i musicisti in riga e il direttore sul podio, e il concerto può a quel punto ricominciare.

Prova d’orchestra di Federico Fellini è quasi un saggio “polibiano”: la rappresentazione estetico-politica (giacché “politica” è ogni forma di pluralità) di un’anaciclosi. Ne viene fuori il ritratto, fellinianamente simbolico, di un’umanità più capace di azioni “circolari” che di svolte, più prevedibilmente contraddittoria che inafferrabile. Ed è forse questo l’unico enigma su cui possiamo riflettere: «Ma dove va la musica quando non suoni più?».

 

**

MD


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Martina Dell’Annunziata, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Martina Dell’Annunziata, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Cinema ] The Imitation game: l’omaggio ad Alan Turing (Pubblicato il 30/06/2020 11:48:09 - visite: 17) »

:: [ Cinema ] Diario di un maestro di Vittorio De Seta (Pubblicato il 11/06/2020 15:52:35 - visite: 104) »

:: [ Letteratura ] Le voci di dentro di Eduardo De Filippo (Pubblicato il 25/05/2020 16:28:56 - visite: 106) »

:: [ Cinema ] Favolette e Favolacce (Pubblicato il 17/05/2020 22:47:22 - visite: 261) »

:: [ Letteratura ] La sindorme di Oderisi da Gubbio (Pubblicato il 29/03/2020 15:13:56 - visite: 116) »

:: [ Letteratura ] Come quei che porta il lume dietro e sé non giova (Pubblicato il 27/03/2020 16:44:31 - visite: 216) »

:: [ Arte ] Il maledetto Modigliani (Pubblicato il 25/01/2020 15:42:33 - visite: 324) »

:: [ Poesia ] Piste ulteriori per oggetti dirottati di P. P. Del Giudice (Pubblicato il 28/10/2019 13:23:57 - visite: 630) »

:: [ Filosofia ] Un’autobiografia in forma di critica (Pubblicato il 24/08/2019 18:59:31 - visite: 306) »

:: [ Arte ] Ancora vita. La pittura di Giorgio Morandi (Pubblicato il 01/07/2019 20:41:11 - visite: 261) »