Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
25 novembre: Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore č soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 950 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Nov 22 05:16:07 UTC+0100 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Dentro e fuori il paesaggio

Argomento: Cultura

di Ninnj Di Stefano Busą
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 04/04/2012 15:29:42

DENTRO E FUORI IL PAESAGGIO di Antonio Coppola, supplemento a: I fiori del male n.51 (copia omaggio)
(a cura di Ninnj Di Stefano Busà)


Un libro inaspettato, quanto gradito, quello di Antonio Coppola: "Dentro e fuori il paesaggio", una plaquette smilza che assumma un concentrato di poesia altissima, una poesia come non ne leggevo da molto. L’autore sbalordisce il lettore esordendo in versi davvero straordinari: “Noi tradimmo i silenzi/ che divennero assalti dentro/ la notte che succhia/ il figliare dei suoi abitanti (pag27) o ancora “Quando rovinosi i passi/ cadranno dalla scena/ mi è straziante bussare/ dentro quel silenzio / su cui visse metà di me” (pag. 17)).
Il poeta riscopre se stesso, attraverso le miriadi di memorie quasi filmate, impresse nella mente: un hic et nunc, che come cantaride ricreata dalla bellezza da offrire al cielo, viene sollecitata dalla rapidità del sogno in transito, che la riformula e l’annota in tale nitidezza da sbalordire.
Non che prima Antonio Coppola non sia stato un grande poeta, ma con quest’ennesima prova lirica, crediamo di poter affermare che ha superato se stesso, ha fatto il giro di boa e si è portato ad un livello davvero superiore.
Antonio Coppola è parco nello scrivere poesia, ma quando lo fa, la compone ai più alti livelli. Come ad es: la sua creatura: I fiori del male, iniziata in sordina, quasi per scommessa, oggi è arrivata ad essere una delle riviste più qualificate del diorama letterario contemporaneo. Vi collaborano autorevoli scrittori e critici di spicco. Un vero successo, di cui andare fieri, soprattutto in questi tempi scarsi di cultura e di iniziative che tendano a proteggerla.
La tendenza e la predisposizione sono sempre le stesse, il poeta permane nella sua nicchia d’ascolto, appartato ma non isolato e, riservato, (come è nella sua natura) non ama la folla, il trambusto del palcoscenico, la ribalta mediatica, se ne sta in disparte a comporre liriche che hanno come sostrato una parola consapevole del suo lutto, del suo malessere: “Presto svanirò in questo mare / di triboli e curve di cielo/ in una Scilla che si fa bella/ addormentata sul sentiero fiorito”
I versi di questo prezioso libriccino fanno pensare all’eco di un Montale, nelle sue ultime composizioni, ad una riappropriabile trasfigurazione del reale, che increspa e assottiglia la lamina del tempo, senza per questo fermarne: suggestioni, sentimenti, emozioni, in un attraversamento di strazi e di straordinarie maturità intellettive che, proprio per la percezione di cui si fanno interpreti, riescono a misurare un potenziale alto di poesia che coglie e, profondamente trascorre, tra le fitte affannate e dolorose dell’esistente.
Tutta la poesia di Coppola è vivificata e resa godibile da una blandita profondità, quasi tragica e palpabile della memoria. Qui, se ne evince un concentrato che utilizza a 360° tutti gli strumenti dell’orchestrazione.
Passioni sedate, (forse) che restano perturbanti e fedeli a se stesse. come in questi versi: “Sentire il grido degli uragani spolpare/ l’anima, invece, oggi, il corpo trema/ fino al profondo epicardio.” (pag.42)
La bellezza e il fascino di questa poesia stanno nel saper individuare il punto esatto, da cui superare le barriere dell’immaginifico, per farsi pianto consolatore, meno afflitto e più autentico dell’anima.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 15)

Ninnj Di Stefano Busą, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] La Poesia cos’č (Pubblicato il 17/02/2016 22:20:37 - visite: 638) »

:: [ Politica ] Ecatombe nel mediterraneo (Pubblicato il 20/04/2015 16:45:56 - visite: 498) »

:: [ Letteratura ] Interviste rilasciate da Ninnj nei vari anni (Pubblicato il 01/11/2014 21:22:49 - visite: 824) »

:: [ Scienza e fede ] Il declino porta a riflessioni sull’evangelizzazione del mon (Pubblicato il 08/06/2014 11:08:46 - visite: 668) »

:: [ Scienza e fede ] Il declino porta a riflessioni sull’evangelizzazione del mon (Pubblicato il 03/06/2014 12:12:18 - visite: 684) »

:: [ Letteratura ] Reciprocamente la Poesia ha bisogno dell’uomo e questi (Pubblicato il 07/05/2014 16:37:06 - visite: 801) »

:: [ Letteratura ] La Poesia cos’č (Pubblicato il 22/02/2014 10:54:19 - visite: 934) »

:: [ Letteratura ] La situazione oggi non č un incontro con Cristo (Pubblicato il 15/11/2013 10:20:11 - visite: 904) »

:: [ Cultura ] La coscienza di oggi compromessa dal non senso (Pubblicato il 14/09/2013 10:17:55 - visite: 872) »

:: [ Scienza e fede ] Il volto umano di ogni processo spirituale (Pubblicato il 09/09/2013 08:51:31 - visite: 872) »

:: [ Letteratura ] Scienza, Filosofia e Teologia (Pubblicato il 30/08/2013 09:47:05 - visite: 958) »

:: [ Cultura ] Il poeta č l’essere pił imperfetto (Pubblicato il 02/08/2013 10:53:26 - visite: 907) »

:: [ Letteratura ] Intervista di Matteo Montieri a Ninnj Di Stefano B (Pubblicato il 10/04/2013 08:40:23 - visite: 887) »

:: [ Politica ] Il delinearsi degli anelli pił deboli della catena (Pubblicato il 22/02/2013 08:51:46 - visite: 952) »

:: [ Politica ] Monti vorrebbe fare il funerale allItalia (Pubblicato il 14/01/2013 16:00:32 - visite: 946) »