Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Eventi/Notizie/Comunicazioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1178 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jun 15 15:53:47 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il libro dell’oppio, presentazione a MIlano

Vedi il sito web »

Comunicazione di Caterina Davinio
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli eventi proposti dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/11/2012 00:38:22

Caterina Davinio presenta il volume "Il libro dell'oppio", Puntoacapo Editrice, 2012, a Milano, nell'ambito di una lettura poetica a cura di Mauro Ferrari, Direttore editoriale della Puntoacapo.
 
LUNEDÌ 19 NOVEMBRE 2012, ORE 21
Dove: Associazione La conta
CAM Ponte delle Gabelle, Via San Marco 45 - Milano
 
Non mancate!
 
Titolo: IL LIBRO DELL'OPPIO
Autore: CATERINA DAVINIO
Editore: Puntoacapo, Novi Ligure 2012.
Postfazione: Mauro Ferrari
 
Oppio e oppiacei, vizio letterario per eccellenza - con precedenti ed esponenti del panorama letterario, da Baudelaire a De Quincey, da Coleridge a Burroughs - trovano in quest'opera uno spazio non gravato da vittimismi né da pregiudizi, con una prospettiva delirante, ma libera da censure e tabù.
 
Dalla nota introduttiva: “Questi sono infermi (e infernali) paradis artificiels... Di certe malattie del corpo e dell'anima forse è meglio non parlare, dissimulare, non turbare la suscettibilità di chi al mondo riesce a dipartire con tanta sicurezza il bene e il male, la salute e l'afflizione, il paradiso e l'inferno. Infatti, questo libro è rimasto inedito, ed oserei segreto, per più di un ventennio”.
 
Mauro Ferrari nella postfazione osserva: “È una poesia che raccoglie in un unico fardello un’esperienza di vita comunque piena e dolorosamente gioiosa – avanzerei anch’io un ossimoro – che in Italia ha ben pochi uguali, e che non si rifugia nemmeno nel maledettismo più o meno di maniera, né tantomeno nel moralismo. […] Quella di Caterina Davinio è una poesia che gronda vitalismo,
fisicità e corporalità, che credo ci faccia amare oltremisura la vita proprio perché affonda le unghie nell’abiezione, nell’azzardo e nella morte – nella sfida alla morte, anzi, e senza retorica, né nella costruzione dei versi né nella dimensione narrativa di questa sorta di diario allucinato e lucido. […]
Storia? Sì, le date (a cavallo fra il 1975 e il 1990) ci raccontano di anni di piombo ed eroina; i singoli testi ci raccontano però una storia – meglio, ci offrono istantanee frammentate, a heap of broken images che non ambiscono a un’organicità assoluta – attraverso cui la ricerca del piacere (momentaneo ed effimero, come è sempre leopardianamente il piacere) si fonde con l’immersione nel dolore come sistole e diastole. La ricerca affannosa della droga è vagabondaggio, dilazione e attesa (« l’attesa è tutto»); la resurrezione alla vita dopo una notte di droga, o la lucidità che illumina fra due baratri è dunque la conferma terribile di quanto valga «quella vita che manca», di come essa vada corteggiata per sentirsi vivi un giorno di più, ebbri sul bordo dell’abisso”.
 
Reperibilità del volume:
* in libreria e presso i maggiori rivenditori on-line.
* Ordini presso l'editore: acquisti@puntoacapo-editrice.com  
** Copie omaggio: giornalisti, pubblicisti e critici interessati a
recensire il volume possono richiedere una copia omaggio scrivendo
all'associazione ART ELECTRONICS: clprezi@tin.it  (indicare il
recapito e la testata/sito di riferimento).
 
 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Caterina Davinio, nella sezione Eventi, ha pubblicato anche:

:: Alieni in safari - Poesia e fotografia di Caterina Davinio (Pubblicato il 13/07/2016 13:13:12 - visite: 635) »

:: ROMA - Poesia all’isola tiberina (Pubblicato il 03/07/2016 09:15:18 - visite: 479) »

:: Leggi una recensione a ’Fatti deprecabili’ (Pubblicato il 20/11/2015 16:46:20 - visite: 527) »

:: Intervista a Caterina Davinio (Pubblicato il 20/11/2015 16:31:27 - visite: 485) »

:: Caterina Davinio, SENSIBìLIA, Ladolfi Editore, 2015 (Pubblicato il 27/09/2015 15:37:56 - visite: 736) »

:: Caterina Davinio, FATTI DEPRECABILI, David and Matthaus (Pubblicato il 27/09/2015 15:19:43 - visite: 605) »

:: Incontro con i narratori (Pubblicato il 04/09/2015 15:47:47 - visite: 481) »

:: Festival di poesia e performance - Firenze (Pubblicato il 04/09/2015 15:44:05 - visite: 524) »

:: aterina Davinio FATTI DEPRECABILI, ArteMuse Editrice , 2015 (Pubblicato il 08/11/2014 14:15:42 - visite: 966) »

:: A Caterina Davinio il terzo Premio Letterario Oubliette 2014 (Pubblicato il 14/05/2014 19:16:18 - visite: 878) »