Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1044 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat May 4 05:04:51 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il becco della luna

di Basilio Romano
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 16/07/2008 16:11:53

Anche la notte scorsa il mio sussurro è andato lieto sui tetti, ho ammiccato alla luna, soddisfatto del mio occhio stanco, adagiato su una pancia trovata per caso. Poi è arrivata una stella grossa, e rossa come la sera, andava lenta e stanca anch'essa camminando sui comignoli, con un balzo è scomparsa dietro la luna. V'era un sorriso universale che annunciava il dì del riassunto finale. Non sapevano i platani, nel loro ondeggiare insistente e attraente, che li ascoltavo mentre narravano le vicende più remote del tempo, quelle tramandate di albero in albero da tutta la Storia; si dicevano che il più piccolo seme, quello segreto, l'origine del tutto, uovo e gallina, stava ancora volando nel vento e che l'ultimo che lo vide fu un albero che crebbe a dismisura da raccoglierlo nell'abbraccio delle sue ramaglie. Qui trovò, per poco, un poco di riposo, prima che il becco della luna andasse a beccarlo, andando a caso, anch'esso, di ramo in ramo.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Basilio Romano, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Un fatto vero (Pubblicato il 24/12/2008 20:37:39 - visite: 1150) »

:: La cicala (Pubblicato il 12/07/2008 21:13:50 - visite: 884) »

:: L’attesa (Pubblicato il 22/06/2008 22:30:00 - visite: 917) »

:: E! (Pubblicato il 24/05/2008 - visite: 889) »

:: Discorso politico di uno per strada (Pubblicato il 08/04/2008 - visite: 910) »

:: Un giorno, tra i palazzi (Pubblicato il 16/03/2008 - visite: 839) »

:: Non ho capito bene (Pubblicato il 24/02/2008 - visite: 849) »

:: Di buon mattino (Pubblicato il 10/02/2008 - visite: 827) »

:: tuttavia... (Pubblicato il 01/02/2008 - visite: 946) »

:: Attesa (Pubblicato il 29/01/2008 - visite: 787) »