Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 847 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jan 10 23:43:33 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

...e dal comò (!)

di Gianfranco Calvi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/03/2009 00:10:38

...e dal comò (!)
25/03/2009

Dal comò ed oltre. Luce di traverso sforma disegni intessuti in ombre colorate sul muro (lampada). Luce sui profili tondi segue l’opaca materia per definir l’oggetto (bottiglia e bicchiere). Io esausta per l'immutato silenzio logorante (Noia!).
Mi sento una ragazza completamente svuotata... sono comparsa nella teatralità della vita, direi alquanto imbarazzante e oltremodo imprudente! (disperazione)
La parte che mi compete? Chi mi ha fregato il ruolo da protagonista?
Apparente inerzia di voraci pensieri domina l’entropico evento di una nemesi mai al divenire, riluttante ad essere di rilucente bellezza(Pietà)
Sono gli avanzi di un "pasto carnale". Sono la vostra signora (mignotta). Ho saziato i soli istinti bestiali divorando la bava di quei demoni bastardi (uomini) che per contro mi hanno divorato l’anima.
SI è così!
Figura egoiste desiderose, affamate l’uno sull’altra.
Ora comprendo di avere perso la strada di avere smarrito me stessa, ora sono solo un frammento di ciò che ero (introspezione).

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Gianfranco Calvi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Gianfranco Calvi, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Vivere di certezze. (Pubblicato il 12/03/2009 00:28:10 - visite: 841) »

:: le pene dell’amore. (Pubblicato il 12/03/2009 00:00:37 - visite: 822) »

:: tributo alla Donna (Pubblicato il 11/03/2009 23:56:00 - visite: 695) »