Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

«Logica» gender applicata all’attività di mangiare, con un c

di Ivan Pozzoni
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/02/2018 00:48:36

 

     Essendo stato costretto dalla natura matrigna, che mi ha impreziosito di una silhouette tra il bisonte americano e il rinoceronte indiano, a mantenere il digiuno (uposatha fisiatrico) di Sabato e Domenica mezzogiorno, oggi, entrato in cucina, in estremo conflitto tra il mio desiderio di catarsi gastrica e il desiderio di mangiare un asino brasato, noto Ambra – il tenero cerbiatto, con due occhi scuri scuri e dolci, che Dio o Allah o Geova hanno sganciato sulle mie macerie- mangiare, con un cucchiaione di legno, direttamente dalla pentola, seduta, a tavola, davanti al Pc. Alla mia mente devastata dall’inedia si sono dischiusi due scenari: a] mangiare il cerbiatto e b] certificare l’esistenza ontologica di una differenza di logica gender sull’attività di mangiare direttamente col mestolo da una casseruola. Escluso l’atto criminoso del cannibalismo cerbiattesco e malamente scivolato sullo stigma adolescenziale dell’incaponimento verso un accostamento «logico» alla vita (causa di vittimizzazione collaterale da mancanza di «ignoranza», indispensabile a una vita gratificante nell’odierna società dello star system), inizio a riflettere sull’opportunità d’esistenza d’una «logica» gender applicata all’attività di mangiare con un cucchiaio direttamente dal tegame. Prospettiva gender uomo: a] un uomo mangia con un cucchiaio direttamente dal tegame: «l’uomo ha molta fame e molta fretta»; b] una donna mangia con un cucchiaio direttamente dal tegame: «la donna ha molta fame e molta fretta». La «logica» gender dell’uomo è uni-dimensionale, utilizzando sempre - a detta della donna- 10 cm delle aree cerebrali di stretta competenza. Prospettiva gender donna: a] un uomo mangia con un cucchiaio direttamente dal tegame: «l’uomo è una bestia, incapace di adattarsi alle norme minime del savoir vivre»; b] una donna mangia con un cucchiaio direttamente dal tegame: «la donna è pratica, dovendo scappare al lavoro e non avendo il tempo di lavare piatti e posate». La «logica» gender della donna è bi-dimensionale, discriminando, correttamente, in un magnifico sistema olistico, tra bestialità dell’uomo e pragmaticità della donna davanti ad un medesimo oggetto di studio antropologico. Prospettiva gender madre: a] un uomo mangia con un cucchiaio direttamente dal tegame: «l’uomo è una bestia, incapace di adattarsi alle norme minime del savoir vivre e la fidanzata / moglie / compagna dell’uomo una malafemmena baldracconesca, incapace di assumersi il ruolo di cura insito nella figura di fidanzata / moglie / compagna» (riassumendo: figlio deficiente e nuora inadeguata); b] una donna mangia con un cucchiaio direttamente dal tegame: «la donna è sciatta, dal momento che “[…] io, quando venticinque anni fa lavoravo in fabbrica diciannove ore al giorno, durante l’orario di lavoro: cucinavo, stiravo, lavavo, curavo tre figli (anche se madri di figli unici), li accompagnavo all’asilo, e, contemporaneamente, li ritiravo, e a mio marito, incapace di preparare la tavola, non mancavano mai piatti e posate… T’el disi mi, l’è ‘na slandruna […]». La «logica» gender della madre è fuzzy, incriminando, universalmente, deficienza del figlio, bestialità del marito e inadeguatezza della malcapitata nuora. Prospettiva gender padre: statisticamente irrilevante, essendo mai richiesta. Quindi, concludendo, segnalo tre categorie di accostamento «logico» gender: a] la «logica» gender dell’uomo è uni-dimensionale; b] la «logica» gender della donna è bi-dimensionale e c] la «logica» gender di una mamma è fuzzy. Padri naturali e/o adottivi non hanno diritto a una «logica» gender. Spiego, nei minimi dettagli, questa mia teoria logico-sociale a Ambra che, col cucchiaione da minestra in bocca, mi risponde candida: «È inutile. Non ti do niente: sei grosso e devi applicare, al dettaglio, la famigerata dieta Birkenmaier, essendo tu avvelenato da glutine, grano, latticini, carni, animali marini, crostacei, sughi, caseina, fruttosio, saccarosio, monosaccaridi e monoinsaccati, carboidrati, glicidi, saponidi e plastiche industriali. Quando uscirai dalla rehab, mangerai!». E i suoi dolci occhioni neri che fanno trasparire tutta la sua amorevole cura verso di me, mi chiudono lo stomaco, mi fanno dimenticare la fame e mi fanno sorridere ebete.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Ivan Pozzoni, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Ivan Pozzoni, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: La storica bi-settimana (1 - 15 Settembre) (Pubblicato il 24/03/2018 01:00:47 - visite: 301) »

:: La storica bi-settimana (16 – 31 Agosto) (Pubblicato il 07/03/2018 23:38:31 - visite: 223) »

:: La storica bi-settimana (1 Agosto – 15 Agosto) (Pubblicato il 04/03/2018 00:03:50 - visite: 316) »

:: Il 1 Agosto (Pubblicato il 02/03/2018 23:47:11 - visite: 162) »

:: Il 31 Luglio (Pubblicato il 02/03/2018 01:11:43 - visite: 149) »

:: Vita da redazione (Pubblicato il 01/03/2018 00:07:07 - visite: 260) »

:: Mang’ pa cap! (Pubblicato il 22/02/2018 00:15:30 - visite: 238) »

:: L’..usoleo di Plan.. (Pubblicato il 01/02/2018 01:57:45 - visite: 185) »

:: La bomba d’acqua (Pubblicato il 27/01/2018 00:25:27 - visite: 289) »

:: L’orologio a rincorsa (Pubblicato il 23/01/2018 00:34:04 - visite: 219) »