Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 99 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Sep 11 20:58:15 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ristoro

di Teresa Cassani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/12/2018 16:38:00

RISTORO

 

Giorno di festa, giorno dell’Immacolata. Quale circostanza migliore per trovare nella cassetta della posta le bollette di acqua e luce, soprattutto dopo due mesi che è stata chiesta alla banca la domiciliazione sul conto corrente? Perché occorrano tempi tanto lunghi all’avvio del servizio non è dato sapere.

Maria Rita ha un carattere fumantino: le bastano contrarietà di questo tipo per sentire un’intera giornata guastarsi.

Ma infine è arrivato il lunedì e l’ora di recarsi in ufficio per chiedere spiegazioni.

La banca è ubicata dalla parte opposta rispetto alla zona parcheggio.

Bisogna percorrere un tratto di strada lungo, battuto da un vento gelido  questa mattina.

Maria Rita viene preceduta da un gruppetto di anziane col bastone , già vispissime e sveglie poco dopo l’apertura.

Oh, che fortuna! L’impiegato nell’area ufficio è libero.

Maria Rita s’introduce. Mostra il cartaceo, spiega.

Quello digita, ricerca nel computer e poi comunica che della pratica non c’è traccia.

Chiede da chi sia stata eseguita.

Lei ricorda una ragazza con i capelli lunghi.

”Ah, Virna, Virna - dice lui- domani c’è !“.

Maria Rita fa trasparire il disappunto.

”Volevo sbrigare oggi”.

Lui cerca di rabbonire la cliente, apre altri file.

”Quel che posso fare è registrare ancora” conclude.

Maria Rita si è decisa.

” Va bene.Vengo domani” e fa dietro front.

E’ per strada, risente il vento gelido.  Ripensa ad altre mille beghe.

Adesso non ha voglia di fare la spesa. Vorrebbe rintanarsi subito in casa e godere dell’autocommiserazione.

Ma ci sono le commissioni per la madre anziana e il richiamo dell’omelia del giorno prima:”Dio non ci vuole autocommiserevoli”.

Giunge nei pressi del market.

C’e’ una signora mora con la gonna lunga e un foulard in testa ,seduta su un porta ombrelli all’ingresso. Ha un aspetto trasandato e misterioso.

Maria Rita si accosta.

La signora sorride, l‘ha riconosciuta.

”Domani vado alla Romania “ dice.

Lei non capisce.

”Domani vado alla Romania da le mie bambine!” sorride paga e mostra un incisivo ricoperto d’oro che spicca sul viso scuro e sciupato.

”Domani vado da le mie bambine “ripete ,sorridendo felice.

Maria Rita risponde e la guarda.

”Vai dalle tue bambine?”

“Sì, vado da le mie bambine”

”Ci vediamo dopo”dice.

”Sì“risponde la donna e si risiede sul portaombrelli.

Maria Rita si affretta nelle compere. E procede con il pensiero altrove.

Pensa agli zuccherini con l’alchermes, che ricordano sempre l’infanzia.

Quando è all’uscita, la signora rumena si è già alzata in piedi e le va incontro.

Lei consegna un’offerta e i dolci cosparsi di liquore rosso: la donna allarga il sorriso e fa l’atto di abbracciarla appoggiando al suo braccio la testa avvolta nel foulard.

Maria Rita le è grata.

Sente il ristoro della gioia inattesa.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Teresa Cassani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Cassani, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: L’incontro (Pubblicato il 01/07/2019 18:59:30 - visite: 64) »

:: Doro (Pubblicato il 01/05/2019 14:06:49 - visite: 102) »

:: Il Risolutore (Pubblicato il 15/04/2019 11:47:28 - visite: 147) »

:: Lava (Pubblicato il 17/02/2019 15:36:22 - visite: 121) »

:: Spessore umano (Pubblicato il 08/02/2019 20:16:14 - visite: 120) »

:: Flora (Pubblicato il 27/01/2019 10:02:57 - visite: 153) »

:: Intonacato (Pubblicato il 21/01/2019 10:55:51 - visite: 151) »

:: Trame e reticoli (Pubblicato il 12/01/2019 12:15:31 - visite: 144) »

:: Solo un nome (Pubblicato il 06/01/2019 10:26:42 - visite: 151) »

:: Convivere (Pubblicato il 04/01/2019 11:05:37 - visite: 180) »