Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1005 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jan 17 12:56:22 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Hagher, Mogol e Lucio Battisti

di Gaetano Guerrieri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 25/10/2009 12:59:21

Molti anni fa, quand'ero più giovane e meno bello di adesso per qualche tempo lavorai part-time (si scrive così?) presso una pompa di benzina.
Avevo bisogno di tirare su qualche lira e, quel lavoro, fu l'unica occupazione che riuscii a trovare per recuperare i soldi che mi servivano per andare in vacanza a Rimini.
Poiché ero anche l'unico tra i miei amici che ci andava da solo, cercavo di rimorchiare tutte le donne che mi capitavano a tiro e, lavorando otto ore in quel posto, tutte quelle che venivano a fare rifornimento.
Un giorno venne a fare rifornimento una donna stupenda a bordo di una porche decapottabile.
Era meravigliosa, la donna più bella e più bona che avessi visto durante tutta la mia vita. Decisi che ci avrei provato nonostante quello era il tipo di donna che non dà confidenza a un ragazzo che mette la benzina e lava i vetri in una stazione di rifornimento. Infatti, da quando era arrivata sino a quando non provai a farmi notare, non mi aveva degnato di uno sguardo.
Non avendo molto tempo a disposizione, poichè s'era fermata per mettere solo la benzina, utilizzai la scusa più banale e scontata che mi procurò la sua radio accesa: una canzone di Lucio Battisti.
"Battisti!...L'adoro!... Io e lei, signora, abbiamo molte cose in comune..."
Lei, senza nemmeno voltarsi, rispose " Ah? Anche a lei scocciano i ragazzini in calore?"
"No, dicevo Lucio Battisti" - risposi.
"Ah, Battisti, lo conosce molto bene?
- Oh si, praticamente più di me stesso - risposi e affondai la mia stoccata preferita, quella che mi aveva regalto sempre un successo strepitoso ogni volta che l'avevo tirata fuori e che mi aveva anche fatto guadagnare il titolo di "lampadario*" dagli amici.
- Questo pezzo, per esempio, "Non è Francesca" era il brano preferito da Hagler...
- Hagher? Il noto psicoanalista? Tu conosci Hagher?
Aveva abboccato, lo capii immediatamente e affondai il colpo decisivo.
- Molti ritengono che Hagher sia stato uno che rendeva nevrotici i topolini ma noi sappiamo bene che lui è stato molto di più...
Due ore dopo ero al suo fianco, sulla sua porche coi sedili in pelle e stavamo tirando dritto verso Palinuro.
- Che razza di balordo che sei... - Mi aveva detto sorridendo dopo che la conversazione era arrivata a Michail Alexandrovič Bakunin passando il materialismo storico di Friedrich Engels, Heghel e Andrej Liudvig Fojerbach - vuoi venire in vacanza con me? –
- Mi aspetti due minuti? - Le avevo risposto - Chiamo Mogol e l'avviso che stasera sono impegnato e non vado a cena da lui...


* Lampadario perché "avevo" le lampadine, ovvero trovate luminose, geniali.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Gaetano Guerrieri, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Gaetano Guerrieri, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: I giovedì di Sissi - 01 (Pubblicato il 27/02/2010 22:48:26 - visite: 1001) »

:: I napoletani rubano (Pubblicato il 21/11/2009 20:24:15 - visite: 1269) »

:: Alba rotta (Lento, lentissimo, mesto) (Pubblicato il 14/11/2009 20:46:00 - visite: 897) »

:: La rotondità chiamata gluteo (Pubblicato il 12/11/2009 18:01:46 - visite: 801) »

:: Il pene quella stupida testa di (Pubblicato il 03/11/2009 18:44:08 - visite: 1178) »

:: A me -mi- piace Perluskony (Pubblicato il 03/11/2009 12:59:54 - visite: 879) »

:: A Calliani non far sapere quant’è buono il ca(l)ci (Pubblicato il 16/10/2009 22:54:48 - visite: 1073) »

:: 50 mosse 88 passi 99 Posse (Pubblicato il 25/09/2009 13:44:24 - visite: 968) »

:: Partita di calcio su un letto a due piazze (Pubblicato il 18/09/2009 00:13:08 - visite: 901) »

:: Amare e ammirare (Pubblicato il 17/09/2009 17:22:11 - visite: 1022) »