Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 59 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Aug 5 06:25:18 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Piove

di Paolo Melandri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/05/2019 21:05:13

L'indomani mattina, mentre mi dirigevo verso la sala dei professori, udii al secondo piano un baccano d'inferno. Accorsi e vidi che quattro ragazzi, E, G, H e T che ne picchiavano un altro, il govane F.

Che vi salta in mente?” gridai. “Se credete di potervi picchiare come dei ragazzini delle elementari, che almeno sia uno contro uno. Ma così, quattro contro uno, è una vigliaccheria!”

Mi guardarono senza capirmi, anche F, che gli altri quattro avevano assalito. Il suo colletto era stracciato.

Che cosa vi ha fatto?” chiesi.

Ma i quattro tacevano e la loro vittima anche. Tuttavia, a pezzettini, riuscii a sapere che F non aveva fatto loro niente; al contrario, erano gli altri che gli avevano rubato il panino, non per mangiarlo, ma solo per lasciarne senza lui. E l'avevano buttato dalla finestra nel cortile.

Mi affaccio, lo vedo sulla pietra grigia. Piove sempre e il panino luccica. Penso: forse i quattro non avevano pane ed erano furibondi che F ne avesse. Ma no, tutti avevano il loro: anzi, G ne aveva due. Chiedo:

Perché avete fatto questo, allora?”

Non lo sanno, stanno imbarazzati davanti a me e sogghignano. Certo, l'uomo è cattivo, sta scritto pure nella Bibbia. Quando smise di piovere e le acque del diluvio si ritirarono, Dio disse: “Non punirò mai più la terra per colpa dell'uomo, poiché la natura del cuore umano è malvagia dall'infanzia.”

Dio ha mantenuto la promessa? Non lo so. E non voglio neanche sapere perché i ragazzi hanno buttato il panino nel cortile. Domando loro soltanto se non hanno mai sentito dire che dalle epoche più remote, da migliaia e migliaia di anni, dall'origine della civiltà, una legge non scritta si è imposta con un rigore sempre più imperioso, una bella legge umana: “Se vi battete, che almeno sia uno contro uno.”

Mi volgo di nuovo ai quattro e chiedo:

Non vi vergognate?”

Non si vergognano, parlo loro una lingua sconosciuta. Mi guardano con occhi stupefatti. Soltanto la vittima sorride. Sorride di me.

Chiudete la finestra,” dico, “altrimenti pioverà dentro.”

I ragazzi chiudono la finestra.

Che cosa diventerà, questo diavolo di generazione? Dura o solamente brutale? Non aggiungo parola, e mi dirigo verso la sala dei professori. Sul pianerottolo mi fermo e tendo l'orecchio. Che si picchino ancora? No, tutto calmo.

Sono stupefatti.

 

© Paolo Melandri (21. 5. 2019)


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Paolo Melandri, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Paolo Melandri, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Qualcosa accadrà (Pubblicato il 03/08/2019 15:06:50 - visite: 26) »

:: Viaggio indietro (Pubblicato il 30/07/2019 11:19:27 - visite: 28) »

:: Gli ospiti sconcertanti (Pubblicato il 27/07/2019 23:47:17 - visite: 32) »

:: L’uomo che ride (Pubblicato il 26/07/2019 22:04:07 - visite: 29) »

:: Presentimenti (Pubblicato il 26/07/2019 12:03:06 - visite: 34) »

:: Prima luce (Pubblicato il 25/07/2019 10:12:18 - visite: 29) »

:: Lichtenberg (Pubblicato il 21/07/2019 13:49:05 - visite: 32) »

:: Autodiffamazione (Pubblicato il 18/07/2019 23:46:13 - visite: 40) »

:: Sabina (Pubblicato il 14/07/2019 00:22:28 - visite: 44) »

:: Atalanta (Pubblicato il 12/07/2019 22:30:49 - visite: 42) »