Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 58 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Nov 13 20:21:10 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Maya

di Francesco Battaglia
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/10/2019 18:51:12

 

 

Non c'è un cazzo da fare - e ci permettiamo questa breve e scurrile parola soltanto per non ficcarci di mezzo il solito nulla - non si potrà mai fare a meno dell'apparenza. Della superficie. Cosa vuol dire inoltre andare in profondità? Mettiti pure questo tuo scafandro, e fatt'ingannare piacevolmente dai tanti preti ch'hanno sempre trovato un nero nell'uomo. Un nero profondo cav'oltre i polmoni succhia batteri e il cuore pompa sangue. Perché per loro c'è sempre stato un oltre della carne, e quindi da certi amplessi del pensiero - ossia quando iniziò pian pianino, piccolo pupo tra le intemperie dell'alba umana, a zampettare timorosamente ed in preda al più completo terrore - nacquero certe idee che ancora oggi c'infettano. E questo piccolo pensiero iniziò a delirare quando vi fu il primo morto. O per meglio dire: quando il pensiero terrorizzato iniziò ad architettarsi solingo per benino venne subito crivellato a morte - come un banca durante una di quelle belle rapine del Bonnot - quando gli si parò davanti il primo morto. 

Il primo morto riconosciuto, bene inteso, sicuramente ve ne saranno stati altri prima dell'invenzione della morte. 

Primo morto che solo per voi abbiamo rintracciato in caldo cantuccio buio del nulla. Ecco quindi le sue illuminanti dichiarazioni:

 

Intervistatore Mi dica dunque, com'è stato morire?

Primo morto 

 

C'è da tremare vero dinanzi a quest'illuminante dichiarazione vero? Ma ci è riusciti pure ad intervistare - sempre andando a zonzo pe' 'l nulla - alcuni antichi individui presenti in quell'epoca del pensiero neonato, che si trovarono innanzi il primo morto sì da diventare consapevoli e creatori della morte:

 

Intervistatore Cos'ha provato il vostro pensiero nell'aver davanti il primo morto?

 

Un bimbo Quanto deve aver faticato per dormir così di sasso.

 

Un vecchio Mi sembra di guardarmi nel lago.

 

Primo macellaio Lo stesso che provo verso i maiali.

 

Primo avvocato Chi è stato? Com'è avvenuto? A chi imputare questa novità?

 

Primo poeta Porco dio che macello. 

 

Primo becchino Non sarebbe il caso di seppellirlo?

 

Primo necrofilo Non è il caso di seppellirlo. 

 

Primo prete Ciò è auspicabile.

 

Primo sbirro Oh non guardate me.

 

Primo ladro Posso seppellirlo io se vi schifate a sfiorarlo.

 

Primo santo Lui è il santo.

 

Un pazzo Alzati e cammina!

 

Primo giornalista Su, chiunque abbia avuto rapporti con questo primo morto venga a porre qualsiasi dichiarazione. M'occuperò di metterla per bene per iscritto (così continua per tutto il tempo a ciarlare e porre domande)

 

Primo filosofo Se s'è deciso di dormire in sonno così profondo è perché la veglia dev'essere al quanto dura. Mirate come pare sereno pur se con la bocca ritorta. Che fortuna deve avere questo tale ad entrare per primo nella ricerca dell'oltre. Sì, certo! Un trapezista! Il morto è un trapezista ch'ha finalmente compiuto lo slancio verso quel reame che la vita ci nasconde. Sì, questo morto lo chiameremo Maya!

 

Primo anagrafe Me lo segno. 

 

Primo macellaio Maiale?

 

I presenti No! Maya! Maya! 

 

Primo teppista Bene, levate dal cazzo 'sto Maya e piantiamola. 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Francesco Battaglia , dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Francesco Battaglia , nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: L’ho appena accesa (l’ombra) (Pubblicato il 23/10/2019 17:19:25 - visite: 34) »

:: Baloccarsi innocentemente mentendo ... (Pubblicato il 16/10/2019 13:03:45 - visite: 28) »