Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 29 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Nov 15 15:02:30 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Baloccarsi innocentemente mentendo ...

di Francesco Battaglia
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 16/10/2019 13:03:45

 

"Il più semplice atto surrealista consiste

nello scendere in strada con una pistola per mano

e sparare a caso, finché si può, sulla folla"

A. Breton

 

"E' pazzo? Poteva colpire uno dei miei figli!"
"Non si preoccupi, signora. In caso

gliene avremmo fatti degli altri"

A. Jarry

 

 

 

 

 

Baloccarsi innocentemente mentendo domenica andrò a dormire meglio

 

 

Non interessarti eccessivamente di quel ch'andrai a comporre. Cosa componi in fondo in fondo? Dove te ne vai a rovistare quel che segni qui od anch'altrove?
"Non è che numeri" - diceva, e continua a dire pure nell'eterno finenente fino a quando termineranno tutti l'occhi, diceva dunque della musica il signor Joyce. E cos'è allora questo vagolare vagheggiando sui fogli? Non altro che musicare non sapendo soffiare.

 

Soffia
          soffia
                   fievole lesto torvo
                 come più ti piace
               e comunque potrebbe andarti 
                bene?
                    Non so
                        ho un orologio senza stanghe.
                        Ho un orecchio da ascoltare.
                        Ho anche occhi scartati. 
                               Dove?

 

In un bidone sempre reso ai miei che m'abitano ed ecco perché io non m'è. Pure se per Nietzsche l'io è diventato solo una zozza bazzezoccoletta da bar liturgici. Liturgici intesi come cristianesimo. 

Di quanto potere s'è rivestita questa sillaba? Pur Dio la usò rispodendo a Mosè sul Sinai riguardo alla sua identità - "Io sono Io". Il nome di Dio - di cui bisogna abolirne definitivamente la maiuscola iniziale - dunque non è altri che Io. Dunque, signor ministro reggente dei cieli interni da noi farciti per puro horror vacui, a cosa dobbiamo quest'opprimente D?

 

La quarta delle passanti in bocca.

Per niente timida.

Sporcacciona. 

 

Io, io ti calerò definitivamente le brache così d'aprire finalmente ilarità generale tra plebaglia - quella ben vestita e pasciuta ben inteso - e sbirraglia così che questi uomini costrett'in divisa - indossata per eccessiva paura e timidezza verso l'uomo, il simile, l'estraneo - caleranno le loro ben lucidate brache e mi doneranno le loro pistole così ch'io potrò sparare in aria magari urlando indicazioni ai tanti turisti nell'enorme gola soffocata dal sole.

 

Un'eccessiva estate, signor d'Io. 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Francesco Battaglia , dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Francesco Battaglia , nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: L’ho appena accesa (l’ombra) (Pubblicato il 23/10/2019 17:19:25 - visite: 35) »

:: Maya (Pubblicato il 07/10/2019 18:51:12 - visite: 61) »