Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 33 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Nov 14 02:05:22 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Un pò di giorni

di Fabiana.Scapola
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/10/2019 20:46:47

 

Un pò di giorni

 

Giorgio entrando la vide, lei si presentò restando seduta ma gli tese la mano..

Giorgio rimase colpito, percepì la morbidezza di chi si sa abbandonare, donare senza riserve, quelle persone che lui per definizione difende nel profondo dell'anima che tratta con immenso rispetto e delicatezza..

Lo sguardo tradiva però un pregiudizio, disistima o stizza, di certo professionalmente non sarebbe stato un alleato semmai si fosse tentata una scalata.

Nell'aria

le solite mareggiate ma ne era abituato, aveva una vita molto complessa, a volte pensava che un agente segreto del kgb incaricato di spiomaggio mondiale avesse più libertà di parola, di condivisione di lui.

Semmai avesse avuto una compagna nell'intimità il cuore avrebbe comunque avuto grandi spazi di silenzio e questo è sempre solitudine.

 

Giorgio guadava dalla finestra, era entrato in una storia peggiore di storie di mafia o camorra, di ricatti o ritorsioni, di quelle pericolose e senza uscita.

 

Era un incaricato; aveva accettato (anche senza aver in realtà alternativa) la missione e si era imbarcato.

 

Gli avevano lanciato una maledizione, fatto più fatture di cui alcune a morte, incantesimi e magie. Non ci credeva per indole ma qualcosa innegabilmente di non buono c'era.

 

Ora ciò che viveva non era chiaro neanche a se stesso, cercava di essere coerente e onesto di mantenere la sua linea e guardare il punto di uscita andando avanti.

Ma soffriva.

 

Soffriva di quella inspiegabilità del suo agire che gli attirava non pochi giudizi negativi e brutte opinioni.

 

"Mi fai schifo" si sentì dire mentre stava per salutare, lasciò cadere morbide le braccia in fondo vide nell'espressione di chi parlava l'ecco l'ho detto.

 

Avrebbe voluto salutare con un bacio sulla guancia ma quell'espressione quella esclamazione..

 

Salutò senza dir nulla, qualche battuta per spezzare il momento in modo bonario gli arrivò. Stava già rientrando.

 

Al mattino ad una provocazione interiormente aveva risposto che lui si rimetteva al giudiuzio di Dio e non a quello dell'uomo.

Sarà lui a giudicarmi non tu, pensava, e poi sara migliore di te; non trovi?

Inoltre da te non voglio nulla. Mi giudichi male, quella è la strada, vai!

Così dialogava tra sè e sè con quella persona mentre in confidenza all'amico diceva "Già per me è difficile vivere ciò che non so spiegarmi..ci manca pure quest'altro ad infierire.. ma non c'è altra strada".

 

..ma quel "mi fai schifo" così schietto e spassionato proprio non se lo aspettava.

Perchè poi? Il cuore ne rombò mille e una..gelosia? Anche questo pensò.

Il suo aspetto fisico, le sue scelte..

 Eppure oggi avevano parlato anche con il sorriso, aveva raccontato cose che non aveva mai detto a nessuno forse neanche a se stesso..

Certo il contorno non aiutava, lui non poteva dare presenza e aiuto e neanche far entrare l'altro nella propria vita semmai ne fosse stato capace..

Iniziò a pensare ..se mi chiedesse di stare assieme.. per un pò di giorni però...

Perchè la differenza di età è molta, io non le offrirei una vita al suo ritmo, però forse l'amerei come nessuno mai..

Ma alcuni giorni si potrebbe.. alcuni giorni non avrebbe problema per l'età o per lo stile di vita, per un pugno di giorni a tutto si può non pensare, alcuni giorni non ti fanno entrare nella mia vita... non ti fanno uscire dalla tua..

 

Perchè io una vita non posso dartela e con me la tua attuale si distrugge...

 

Con me ti resta il deserto e magari forse io che pur ho un sacco di remore a strutturar legami.

 

Gli tornava in mente un film mai visto "porta in alto il volume".. uno speaker (tanto per far qualcosa di nuovo) che reagiva all'amore destabilizzandosi e fuggendo come per timore di fare del male all'altra persona... lei lo insegue per chilometri e chilometri forse più di mille per gridargli che lo ama che lo vuole ..un Eduard mani di forbici da calmare...

..una donna ..una speranza ..l'avrebbe "preso"...?

 

Un pò di giorni..è una parentesi nella vita..

Una vacanza a Rovanieni...

 

Vuoi veramente star con me per ...un pò di giorni?

 

Giorni in cui quel mistero tace..

Giorni di tenerezza..

di intimo dialogo..

 

in un pugno di giorni forse non riuscirei neanche a pronunciare il tuo nome soffocato in gola per l'emozione..

..sarebbe la prima volta per me..

..star con una donna.. una giovane ragazza.. un pò di giorni..

 

Un pò di giorni, non un gioco..

Un pò di giorni.. la scelta di un momento d'amore..

Un pò di giorni..

 

F. Scapola

 

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Fabiana.Scapola, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Fabiana.Scapola, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Spiazzati come bambini (Pubblicato il 12/11/2019 08:08:37 - visite: 16) »

:: Cosa so del regno dei morti io (Pubblicato il 10/11/2019 12:16:50 - visite: 20) »

:: Dolore - Amore (Pubblicato il 09/11/2019 06:39:46 - visite: 19) »

:: Mettere al riparo la relazione..omosessuale (Pubblicato il 08/11/2019 09:38:35 - visite: 28) »

:: Appunti di viaggio (Pubblicato il 06/11/2019 08:23:25 - visite: 25) »

:: Consigliare: saggezza o follia (Pubblicato il 05/11/2019 10:25:43 - visite: 18) »

:: Dio non è accogliente (Pubblicato il 03/11/2019 10:22:18 - visite: 29) »

:: ’Du palle’ ma è così (Pubblicato il 03/11/2019 07:32:52 - visite: 22) »

:: Il ritorno di Mowgli (Pubblicato il 01/11/2019 16:35:03 - visite: 42) »

:: Un racconto: la mia estate (Pubblicato il 15/10/2019 06:23:37 - visite: 35) »