Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 787 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue May 7 03:01:15 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Attesa

di Basilio Romano
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 29/01/2008

Eccomi di fronte al mare ad attendere il tuo ritorno. L'amore non può dimenticarti, come le stelle non dimenticano la luce dei loro corpi. Immerso nell'indifferenza delle cose, che silenziose conducono al passato, ti amo per sempre. E' questa condanna il mio supplizio. Ogni azione o pensiero, ogni mano che stringo o sorriso che dono o parola che proferisco, è per te, perché ci sei, perché ti ricordo e a te desidero fare il dono. E' in tutte le mani che stringo la tua, è in tutte le parole che rivolgo il tuo ascolto, è in tutto il mio guardare il tuo essere visto.
L'amore per le tue viscere mi serra a te ed è universale, da qualunque parte io inizi il rito del vivere, arrivo a te; altrimenti, in segreto, ritirerei la mia mano lontana dalle mani, chiuderei la mia bocca lontana dagli ascolti e le mie palpebre cucirei per sempre per serbare intatta la tua immagine.
Vieni ti prego, dai mari e dalle terre lontane, che i nostri cuori si avvicinino anche nella carne e i nostri pètti si congiungano nell'abbraccio davanti ad una porta socchiusa, da noi spalancata sul Paradiso, promesso non per merito ma per grazia e dono.
Traboccare il nostro amore nei cuori, questa è l'attesa e la vivida speranza nel quotidiano e silenzioso pensarti.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Basilio Romano, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Un fatto vero (Pubblicato il 24/12/2008 20:37:39 - visite: 1150) »

:: Il becco della luna (Pubblicato il 16/07/2008 16:11:53 - visite: 1045) »

:: La cicala (Pubblicato il 12/07/2008 21:13:50 - visite: 884) »

:: L’attesa (Pubblicato il 22/06/2008 22:30:00 - visite: 917) »

:: E! (Pubblicato il 24/05/2008 - visite: 890) »

:: Discorso politico di uno per strada (Pubblicato il 08/04/2008 - visite: 910) »

:: Un giorno, tra i palazzi (Pubblicato il 16/03/2008 - visite: 840) »

:: Non ho capito bene (Pubblicato il 24/02/2008 - visite: 849) »

:: Di buon mattino (Pubblicato il 10/02/2008 - visite: 827) »

:: tuttavia... (Pubblicato il 01/02/2008 - visite: 946) »