:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Attenzione, dal 18 al 29 luglio 2024 è prevista una prima parte di lavori di manutenzione sul sito LaRecherche.it pertanto non sarà possibile, in tale periodo, registrarsi o autenticarsi, non sarà possibile pubblicare, commentare o gestire i propri testi in nessuna forma ma sarà possibile solo la consultazione/lettura del sito ed eventualmente la eliminazione dell'utenza di chi ne farà richiesta. Una seconda parte è prevista dopo la metà di agosto, le date saranno comunicate. Ci scusiamo per l'eventuale disagio. Ovviamente se riusciremo ad accorciare i tempi lo comunicheremo.
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 99 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jul 14 03:27:26 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Saudade - ep.2

di Claudia Claudia
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/06/2024 10:24:42

EPISODIO 2

 

(...)

Con un sorriso sfacciato che nasconde una timidezza profonda sistema il suo libro in borsa e si alza, lentamente; quella lentezza di chi sta gustando il tempo con tutti i sensi; la lentezza di chi questo tempo maledetto sempre in corsa sta cercando di tenerlo al guinzaglio, per far durare un attimo un'ora intera.

Si incamminano adattandosi l'uno alla camminata dell'altro, con la spontaneità della natura che si adatta alla sopravvivenza nei terreni piu impervi. Si sfiorano, con quella gentile casualità dettata dall'amore, quello magnetico, che ti porta a sentire il profumo prima di vederne la pelle. 

I primi passi sono delicati, incerti. Nel silenzio imbarazzato e teso di chi ha così tante cose da dire che alla fine non ne dice nessuna, perchè la scelta è troppo vasta; il silenzio imbarazzato e pacifico di chi ha così tante cose da dire da rendersi conto che alle fine non sono le parole che contano, ma i respiri. E si ascoltano i silenzi.

Il respiro, la vita che ora cammina al fianco, quel fianco che per tanto era stato scoperto, esposto e che ora sfiora la sua spalla, provocando un brivido. Vanno avanti così, girano angoli e cambiano strade, fino a raggiungere il portone. E' un portone meraviglioso, enorme e di possente legno scuro con un enorme battente a forma di testa di leone. I pochi scalini che lo precedono sono di marmo antico, reso magico dal tempo e dalle intemperie. Come un film che si ripete all'infinito inizia la tragica ricerca delle chiavi, che si sentono stintinnare in fondo alla borsa, tra una imprecazione di lei e un sorriso sommesso di lui.

Il portone schiocca e scricchiola aprendosi, accogliendo il loro passaggio facendogli eco ad ogni passo.

"Sto al quarto piano, facciamo le scale". 

Imboccano la grande scalinata a scacchi, lei che apre il passaggio contando sottovoce ogni scalino e lui a seguito, avvolto dalla scia del suo profumo, che così tanto gli era mancato. La tentazione di sfiorarle la schiena è talmente grande da bloccarlo, tra un dubbio ed una certezza, tra il timore di perdere un'altra occasione e il timore di non avere la reazione sperata.

La porta di casa arriva troppo in fretta.

Lei apre la porta togliendosi le scarpe, appoggia le chiavi e la borsa mentre lui meravigliato chiude piano la porta appoggiandosi ad essa con le braccia incrociate. La casa è meravigliosa. E' luminosa e piena di vita. Il profumo di incenso gli pizzica le narici facendogli arricciare piacevolmente il naso; le finestre sono grandi e con semplici tende bianche arricciate qua e là. Il caos regna sovrano, ma per lui non è caos... per lui è il disordine perfetto.

Sposta lo sguardo al salone. Una grande sala rettangolare dai colori morbidi. E lì, il cuore si ferma.

 

...to be continued...

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Claudia Claudia, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Claudia Claudia, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Saudade (Pubblicato il 14/06/2024 10:38:44 - visite: 128) »

:: L’inizio del ritorno (Pubblicato il 21/08/2013 19:33:48 - visite: 981) »

:: La fine è l’Inizio (Pubblicato il 25/05/2013 22:39:25 - visite: 1026) »