Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 912 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Sep 15 15:30:37 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Lo scandaglio

di Oreste Villari
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 02/01/2011 09:48:29

Provò e riprovò quello strano strumento.
Lasciò scivolare lo scandaglio nel più profondo del suo passato.
Sperava di ricostruire il perchè dell’inevitabile affondare della sua vita e di quella di tanti altri.
Da giovane, come capita spesso ai giovani, pensava che una sua decisione potesse cambiare il mondo. Per quanto sbagliata fosse.
Si accorse in fretta dell’illusione: la vita riserva una schiarita solo quando la rotta è ormai stabilita. Prua alla vecchiaia, e vento teso in poppa, l’approdo meno desiderato inesorabilmente in vista. Solamente allora, durante un bagliore più cinico degli altri, si accorse che la vita ha una durata limitata proprio per evitare troppi rimpianti, troppi risentimenti, troppa inutile energia.

Giuseppe in quella valle dimenticata era nato e vissuto. Il colmo della casa l’avevano cercato tra i larici della Val Maira. Scelto tra mille, tagliato una mattina senza luna, trasportato a fatica sino al colle più vicino. Metterlo in opera non era proprio un gioco da ragazzi ma lui e i suoi due fratelli non cercavano di meglio. Finirono il tetto, completo di costane e puntoni, all’inizio di Ottobre. Neppure uno scricchiolio, in attesa che le nevicate invernali potessero finalmente collaudarlo.
Giuseppe rimase in quella casa sino a quando, destino comune a tutti i suoi coetanei, andò via quasi scappando, come per obbedire al comando di una sirena d’allarme.
La vita in pianura e l’azienda nella quale lavorare, dove barattare la propria libertà per uno stipendio, le pulci e il freddo per l’illusione di fare la cosa giusta.
Appesi là in alto lasciò i genitori e un pezzo di cuore.
La pensione lo sorprese un pomeriggio d’autunno insieme ad una lettera che lo ringraziava per la dedizione al lavoro mostrata in quei lunghi anni e per essere stato un esempio per le generazioni future. Giuseppe tornò nella sua valle perchè la nostalgia era più forte di qualsiasi promessa la città gli potesse mai fare.
La casa era ancora in piedi, non così i suoi genitori e i suoi fratelli già da tempo nel cimitero della frazione. Decise di fermarsi ed io l’ho conosciuto lì.

Teneva tra le mani un legno legato ad una cordicella.
Mi avvicinai curioso e lui mostrò la forma di un fuso, unto e lavorato dalle infinite carezze.
Venendo dal mare, mi sembrava di riconoscere in quel pezzo di legno la forma di uno scandaglio da fondale. Glielo dissi e Giuseppe sorrise.
Mi raccontò la sua storia e in quello sguardo liquido di vecchio, vidi brillare la sua gioventù, la forza infinita dimostrata quel giorno al colle del Mulo.
Il tronco di larice stava scivolando giù inesorabilmente quando lui e suo fratello maggiore si pararono davanti puntando gli scarponi nella terra dura sino a sentire un male insopportabile.
Una fila di bestemmie sudate rimise il carico al meglio.
Scesero poi con mille precauzioni raggiungendo casa a tarda sera.
Oggi la stessa cosa la farebbe un trattore, previa la costruzione di una strada

Da allora sono tornato altre volte a trovarlo ma dei tanti anni trascorsi in fabbrica invece, non mi raccontò mai nulla. Abbassava gli occhi e lasciava andare il fuso, srotolando la cordicella di canapa.
Ora che Giuseppe se ne è andato, mi sorprendo sempre più spesso a ricordarlo.
Alle nostre generazioni, a noi che manca l’ignoranza, rimane solo la consapevolezza e proprio quella cerco di manifestare in queste poche righe. Eserciti di studiosi, affacciandosi da pubblicazioni patinate, svelano ogni segreto della fioritura dell’assenzio, della densità molecolare del legno di maggiociondolo, delle tecniche costruttive della civiltà alpina, della vocazione turistica del territorio...ma Dio di un Dio: qualcuno riesce a essere ancora protagonista come lo erano quelle genti ? Protagonista, non spettatore di prima fila con biglietto rigorosamente gratuito.

Lo scandaglio ci informa: nessun fondale, galleggiamo sull’abisso.
Ditemi che si sbaglia.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Oreste Villari, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Oreste Villari, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Murice (Pubblicato il 28/01/2011 09:23:32 - visite: 877) »

:: L’ombrellaio (Pubblicato il 16/01/2011 08:10:07 - visite: 1111) »

:: Infernetto di Val Grana (Pubblicato il 09/01/2011 15:33:12 - visite: 1204) »

:: Lampuga (Pubblicato il 07/01/2011 14:42:10 - visite: 1002) »

:: Graffiti (Pubblicato il 07/01/2011 14:37:15 - visite: 1142) »

:: Narbona di Val Grana (Pubblicato il 04/01/2011 23:28:18 - visite: 1816) »

:: Cauri di Val Grana (Pubblicato il 02/01/2011 09:53:09 - visite: 1255) »

:: Scaletta di Pentenera (Pubblicato il 01/01/2011 19:28:32 - visite: 1381) »

:: Foresti di Campomolino (Pubblicato il 01/01/2011 19:19:00 - visite: 825) »