Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Mio sporco sud

di Filippo Di Lella
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »



Per condividere sui social network (facebook, twitter, ecc.) clicca qui »

Pubblicato il 02/03/2019 13:36:57

Sei una puttana maltrattata, sul tuo viso le rughe che lasciarono i greci, i lividi degli spagnoli, i segni arabi che ti dipinsero, la misera rapina dei tosco-lombardi; sul tuo dorso da prostituta le nuvole sfiorano i corsi d'acqua che, ovunque sul tuo corpo, piangono secoli di schiavitù e di schiaffi, le tue montagne come seni della terra gridano al cielo un canto di magnifico silenzio dorato e il bronzo dei tuoi musei risuona dell'armi di colui che lo Xanto inorridì; la fucina d'Efesto scolpì i tuoi divini fianchi raffreddandoli in un mare che l'Enosictono creò come un gioiello per racchiuderti, puttana di sangue e terra molle, buona per le messi e le greggi dei pastori, buona per gli stupri, buona per il vento.
Dicono che non possiedi tram, ricchezze o saperi di nuove genti, non conoscono i tuoi dolci ozii, il tuo darti da instancabile meretricio, non vedono le tue lontane distanze, non sanno di non sapere e con arroganza disegnano un paio di baffi sconci sul tuo ritratto.
Col tuo mascara dozzinale da civiltà improvvisata, con le tue mani che sono terra e cielo, mare e diavoli, con Scilla e con le tue briganti leggende, così voglio possederti ancora, tu che mia non sei stata mai, tu che gemi ingiustizia nell'opera tua dell'amore corrotto.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »