Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 2165 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Oct 9 11:52:21 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Una mosca sul vetro

di cristina bizzarri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 19 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »



Questo testo ha una registrazione audio che l'accompagna, per ascoltare clicca su Play:

Clicca qui per visualizzare, di tutti gli autori, tutte le poesie con l'audio »

Pubblicato il 23/09/2012 13:55:34

E Gesù rispose loro: "Voi vi ingannate, non conoscendo né le Scritture né la potenza di Dio. Alla risurrezione infatti non si prende né moglie né marito, ma si è come angeli nel cielo”

                                                                                                 Ad  Alessandro Mariani

Una mosca sul vetro appare un istante, poi scompare
nel suo lontano cielo - a me ribrezzo e disconoscimento.
Lilli la gatta caccia piccole farfalle bianche e le sparpaglia
giocando sul balcone. Sembrano un velo trasparente.
Le raccolgo per gettarle via, sbarazzandomi di un pensiero
sgradevole come un rifiuto - per non vedere la fine delle cose,
troppo semplice e normale per essere istoriata in simboli
dentro vetrate accese dove la luce s’infiltra dorata
tra i rossi i blu e i gialli che raccontano come potevamo essere
o come dopo la caduta siamo diventati. Sui banchi della chiesa
inginocchiati, o più comodamente seduti - se si è vecchi o pigri
o appena più orgogliosi o vergognosi ma sempre tra quei muri -
si può volendo pregare per non essere trovati impreparati.
Ma si muore lo stesso in vari modi e non è mai troppo presto
e solo alcune visioni durante il giorno o la notte sembrano uscire
da schemi inaspettati - allora ti dici "è vero, qualcosa accade sul serio
sui banchi che odorano di solitudine di speranza di dolore e di paura".
Così pensi alla croce e a Cristo Pantocrator, ma anche a chi diceva allora,
o forse dice ancora, cose che non regolano il potere o gli accidenti -
bastano forse anche certi quadri o poesie, a volte, a darci questa sensazione,
squarci che si aprono improvvisamente sospendendoci in una gioia
che non tiene più conto del pavimento o del soffitto ma ci innalza -
e ti senti in certo modo giustificata non perché sia tutto uguale,
omologato, giustificato, eppure in fondo sai che è un po’così,
che la colpa non esiste se non nei tribunali e nelle prigioni degli uomini,
e tu ti guardi come dal di fuori - quando sei davvero te stessa
e non vorresti mai che qualcuno ti vedesse o ti leggesse nel pensiero.
A cosa servono i confessionali e i divani degli psicanalisti, o i bar,o l'arte,
se non a farci oltrepassare la paura dell’ignoto, il salto nel vuoto,
quando come trasportati dal forte vento di Paolo e Francesca
sappiamo del nostro tragico e ridicolo destino?  Servono a questo.
Poi, più tardi, usciti allo scoperto, riprendiamo la consapevolezza
che ci è richiesta dai ruoli e dai giochi di potere di chi gestisce
le casse all’entrata, e come ladri potenziali ci guardiamo attorno
stupiti, accerchiati da tante differenze, varietà di colori e odori
che spesso non vorremmo vedere o sentire - ma dal momento che ci sono
fanno parte anche del campo della nostra visione e volenti o nolenti
dobbiamo fare i conti con tutto questo senza ritirarci nel guscio
troppo sottile della mente: in fondo che cos’è la mente? Un'astrazione
sconosciuta? O chimica-fisica-quantistica onda di pensiero che capta
stimoli e cerca di digerirli, trasformandoli in pensieri e parole
che mette in circolo, come fanno le arterie e le vene col sangue?
Questo è quanto ci è dato? Vivere dentro un magma caotico, emozionante,
buffo, doloroso, lieto e tragico, come personaggi a cui è affidato
un canovaccio di cui forse possiamo scegliere la o le scene
da recitare senza prenderci troppo sul serio? Questo è il segreto?
Guardare le persone e il mondo e l'universo intorno come parte di noi, sapendo
che ognuno è sulla scena né più né meno di noi, nato per morire?
Viviamo tutti come nell'attesa di ritornare là dove non sappiamo, ma da dove veniamo.

E ogni storia, ogni sguardo, ogni stella ha la stessa sublime e infima realtà della mosca sul vetro,  che appare un istante - poi scompare. E noi siamo qui ma già da sempre altrove.





« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 19 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore cristina bizzarri, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

cristina bizzarri, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: In questi giorni avvolti nell’azzurro (Pubblicato il 01/10/2019 10:40:37 - visite: 87) »

:: Sulla riva (Pubblicato il 01/09/2019 18:02:36 - visite: 113) »

:: Largo (Pubblicato il 08/08/2019 13:29:24 - visite: 85) »

:: Dì quello che ti pare (Pubblicato il 05/08/2019 13:51:18 - visite: 102) »

:: TAT TVAM ASI Facebook (Pubblicato il 01/08/2019 08:07:46 - visite: 104) »

:: Se demeurer - Voce (Pubblicato il 22/07/2019 10:05:55 - visite: 122) »

:: Per forza di levare (Pubblicato il 18/07/2019 23:54:46 - visite: 130) »

:: Luce stanca (Pubblicato il 12/07/2019 18:19:58 - visite: 149) »

:: And I am sick at heart (Pubblicato il 03/07/2019 12:46:51 - visite: 134) »

:: Spargono grandine (Pubblicato il 03/07/2019 09:18:39 - visite: 113) »