Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1357 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Oct 18 19:53:54 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Baciami in bocca, vita

di Vlad
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 04/11/2012 00:07:13

I

e ancora a vederti come cagna,

distesa sul fumido sterco

del giorno prima, sdraiata,

mentre zampilli sangue

dalle vene delle tue zampe

braccia che tendi a noi, ruffiana.

e far finta di niente,

e portarti a festa

regalarti un vestito,

una cravatta.

 

e l'assonnato giorno

pigro come un impiegato,

si aggiusta il viso ed esce

spettinato.

poi di nuovo mordi

Come l’aria

di un gelido febbraio

Di montagna

 

 

II

Buongiorno, vita,

mentre vaghi come spettro

sull’ansia nostra, che è noia

quando non aspetta

il freddo della spada.

 

ma non cambia nulla,

i fiori si aprono ancora

tra rovi scoscesi, roseti

e sterpi.

E merda.

 

III

“brindate, brindate!"

vita, ancora vai consumata,

spenta, a mostrarti puttana.

giorni stesi come

stracci ad inumidire il vento.

i passi tuoi girano

lasciando orme di fango

a imputridire mesi

fermi come stagni,

riluttanti

a veder giungere

il domani

come cascata.

 

Mentre con il brando insanguinato

Ti volgi impetuosa, sbraitando,

alziamo i calici.

“Brindiamo, brindiamo!”

 

IV

 

Perdio! Mettersi davanti all’altare

Stringendo coppe di champagne,

miele cosparso sopra

e sotto ogni nuovo anno!

Dalle tue mammelle

Succhio solo il sangue

La mano che li teneva

per mano li spinse

verso la luce della notte

Che dal cielo esce lieve

Come da un candelabro.

 

Baciami in bocca, vita,

e strappati quegli stracci di dosso,

in chiesa giaceremo

lì dove raccoglierò la penombra

lasciata su quella strada

piena di insegne luminose,

che parlano di saldi

della befana.

E quei corpi sono solo pensieri

Rimasti come pezzi di un vaso

Che ora noi copriamo di fiori

Invano.

L’acqua per alimentarli non basta.

 

 

V

 

io no, io non ti seguo

come un docile meneghino

e ti rido in faccia,

meretrice, vigliacca.

 

Il mio prossimo anno non c’è

che è andato a farsi soldato

 

(la tua spada è grossa e pesante,

e riesce a colpire chiunque.

Mi basta stancare le tue braccia)

perso tra sgombri e lucci

ed alghe che avvolgono

schiere di coralli rosa

tra spruzzi di poltiglia

sguazzo.

 

VI

 

tienimi al tuo petto, notte,

come fossi un tuo figlio.

ah, la freschezza dei mattini

quando si parte,

quanto a me è lontana!

svegliami in silenzio,

giorno,

come una sorpresa,

come una nave

che la terra

avvista inaspettata.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Vlad, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Vlad, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: serapione (Pubblicato il 24/09/2016 00:43:14 - visite: 415) »

:: amai (Pubblicato il 08/08/2015 02:22:19 - visite: 544) »

:: amo te e i tuoi soldi (Pubblicato il 01/08/2015 00:39:56 - visite: 616) »

:: sposa (Pubblicato il 01/08/2015 00:33:18 - visite: 581) »

:: visita al cimitero (Pubblicato il 11/07/2015 14:52:01 - visite: 539) »

:: chi è che mi disse che strauss suona da dio? (Pubblicato il 11/07/2015 14:42:38 - visite: 556) »

:: in attesa di gutter (Pubblicato il 05/07/2015 00:24:56 - visite: 601) »

:: nei miei occhi è solo dipinta la tua voce (Pubblicato il 04/07/2015 02:17:39 - visite: 387) »

:: non dice mai che va via colui che non torna (Pubblicato il 04/07/2015 02:11:18 - visite: 371) »

:: il mio corpo è vergine da sempre (Pubblicato il 28/06/2015 01:19:44 - visite: 511) »