Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 965 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Apr 29 03:24:17 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Di tutte le difese

di Teresa Anna Biccai
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/11/2012 13:16:13

 

 

di tutte le difese non so il bene.

quando osservo l'autunno senza lodi

 avvizzisce ogni rimorso.

tutto al tutto e niente al niente

 

arrivai alla resa dei vinti, e ciò che appresi

fu l'inutilità del sole.

le ragioni dei martiri codardi

condannati dal giudizio mi divennero torpore

 

di giorno in giorno la resa offende, il nome, la voce, l'attesa,

quando il viaggio non ha strade da voltare

assidua offende, scarnendo anche il gesto più caro

per delegarlo degno dietro l'eco d'altri corpi

 

chiara è l'essenza fra le miserie

chiara e frantumata come il grano tramortito dal mulino

pronto a sfarsi in disunione

spogliandosi di sé come di Dio

 

un'allucinazione vana, sepolta,

la ragione quasi danno.

fra le ultime ubbidienze è questa terra

con i giorni da servire in lamentela

quasi fossero macerie da ammucchiare

o profeti della sorte

 

per la gloria dei vinti, sconto le opinioni e canto all'ombra

il rigetto del pensiero è la forca della lotta

e ora a tratti graffia il senno

blaterando la giustizia della colpa

 

non guarite le paure, non le unghie, né le tarme dell'orgoglio

siamo foglie da sterminio oscillando la pazienza,

siamo volti disattenti per stazioni

e miracoli mancati.

non salvate il passo per la sera

non smentite la lingua nel silenzio

e sudatevi il respiro fino a odiarlo

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Anna Biccai, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Il perdono di Giuda (Pubblicato il 05/03/2014 11:28:42 - visite: 744) »

:: Le attese dei rosari (Pubblicato il 24/12/2012 20:26:17 - visite: 1061) »

:: Paesaggi (Pubblicato il 19/11/2012 13:28:43 - visite: 749) »

:: Prima che i tuoi occhi (Pubblicato il 07/11/2012 01:53:43 - visite: 1260) »

:: Precari come i pianti dei viandanti (Pubblicato il 18/06/2011 18:17:07 - visite: 879) »

:: Il timbro dei cipressi (Pubblicato il 07/06/2011 19:51:52 - visite: 1079) »

:: La quiete (Pubblicato il 29/05/2011 19:01:01 - visite: 874) »

:: Mia nausea la speranza (Pubblicato il 20/05/2011 00:10:28 - visite: 993) »

:: La fatica (Pubblicato il 16/05/2011 20:20:13 - visite: 928) »

:: Ruscello e aridità (Pubblicato il 03/05/2011 20:31:51 - visite: 859) »