Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 887 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Apr 16 09:09:54 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Nelle parole

di Maria Rita Mutolo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/05/2013 18:15:47

NELLE PAROLE

 

A volte un uomo

è tutto nelle sue parole

ma dentro questi mondi…è solo

a vaneggiare come un folle

con il tormento di raccontarsi agli altri

 

quando scossi i velari arrossati

di un tramonto… un po’ più umido

griderà del proprio spirito ai venti

 

quando questi

sembreranno disperdere ogni sua parola

oltre i confini del cielo… allora

 

allo sfumare della loro forma

le parole, torneranno a stupirci!

 

Molte si frantumeranno

come brandelli vitrei sbattuti dallo scirocco

altre, si sfiniranno d’ubriacatura

nel disordinato altalenare della risacca

fino a sciogliersi

 

poche risaliranno l’oblio

fino all’iridescenza dell’alba

 

e quando la maggior parte di esse

sprofonderà

dove nemmeno spira la rassegnazione

 

il poeta morirà con loro

 

penetrando l’abisso di cimiteri bui

per l’inutilità dei giorni a venire

quando al massificato spreco

di tanto fiato

 

l’uomopoeta, patirà il digiuno

e dell’amore

tutti, avremo ancora più fame.

10/12/12

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Maria Rita Mutolo, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ecce homo (Pubblicato il 16/05/2013 00:23:16 - visite: 885) »

:: Nulla di un’identità (Pubblicato il 15/05/2013 17:35:00 - visite: 785) »

:: Poesia sintetica (Pubblicato il 15/05/2013 17:13:08 - visite: 1195) »

:: ’Queste non sono stelle’ (Pubblicato il 11/05/2013 01:14:09 - visite: 958) »

:: Non essere, qui (Pubblicato il 11/05/2013 01:07:37 - visite: 757) »

:: Il nome (Pubblicato il 11/05/2013 00:59:02 - visite: 691) »

:: E così amarti (Pubblicato il 11/05/2013 00:50:58 - visite: 602) »