Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 983 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu May 16 07:42:57 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Alifib aLife

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/06/2013 15:55:18

L’avvio della folata è una voce

che annega anche il tempo. l’abbrivo

del pianto in salita ferma i polmoni

una zampa scesa giù nella neve

 Alifib

sepolto nel petto tra le costole e i rami

regge il silenzio -dal mio atrio al suo-

come bende avvolge il domani

-il mistero del viaggio in avanti

il candore di una presenza mai vista

cola e si espande  un respiro speciale

dove la terra veniva su nera

sulle tempie. s’intride di luce

il preludio alla discesa. Finisce qui

il mondo a me conosciuto. Come sott’acqua

il palombaro

nelle corde azzurre sotto la pelle

 dentro un canto a dirotto, improvviso

 "Alifi my larder

 Alifi my larder"

 a credere piano che passa

 che dove fa male carezza

 e cresce  imparando lo sguardo la vista

 -non dalla luce che l’occhio pretende-

 

Seguo le tracce nell’erba dei cervi

dove sdraiano a sera

gli occhi gonfi di chiaro

un giro lento l’incedere

un filo di canto alla gola

Vieni più vicino a vedere

come una donna mandei

si stringe a raccogliere il limo

sul greto del fiume

nell’ansa del ventre

ricostruendo quel nome

la forma del tempo

dove riemerge.  A.Life

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Pesach (Pubblicato il 20/04/2019 19:34:58 - visite: 104) »

:: Le azzeruole #GiornoMemoria (Pubblicato il 27/01/2019 23:57:12 - visite: 172) »

:: Babij Jar #GiornoMemoria (Pubblicato il 26/01/2019 19:38:49 - visite: 152) »

:: Rayuela (Pubblicato il 24/01/2019 19:21:51 - visite: 172) »

:: Siamo stati angeli nell’acqua (Pubblicato il 04/01/2019 11:13:09 - visite: 243) »

:: L’acqua nascosta nel piccolo melo (Pubblicato il 30/12/2018 15:38:06 - visite: 136) »

:: La fragilissima (Pubblicato il 20/12/2018 10:07:49 - visite: 170) »

:: Più di un giungere soltanto (Pubblicato il 27/06/2018 20:18:20 - visite: 280) »

:: Pianete (Pubblicato il 05/06/2018 09:11:01 - visite: 269) »

:: Saliva celeste come un ricamo - Videopoesia (Pubblicato il 03/06/2018 22:55:00 - visite: 386) »