Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
21 marzo - Giornata Mondiale della Poesia: La Poesia, i Poeti #poesiapoeti »
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATI I NOMI DEI FINALISTI
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1059 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Mar 22 03:50:20 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La Regina

di Claude Cahun
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »



Questo testo ha una registrazione audio che l'accompagna, per ascoltare clicca su Play:

Clicca qui per visualizzare, di tutti gli autori, tutte le poesie con l'audio »

Pubblicato il 07/07/2013 12:35:42

La Regina occupa il suo trono

e posa i picciol piedi, essendo nana,

sul dorso prono della preferita dama.

Batte le mani ed urla, in qua e in là,

“Portate il piatto delle dignità!”

Ne sceglie due o tre, indi le pesta,

poscia asciuga le labbra lesta lesta:

non è più l’ora adatta al desinare

‘che presto Ella s’appresta a giudicare.

Tuona, con la vocina acuta e penetrante,

“Chi osò con dalie rosse, per tutte le acquesante,

interromper con effluvi vermigli

l’innesto fra tulipani neri e bianchi gigli?”

S’avvicina al seggio tutto balbettante

un armigero giovane e attraente:

“Nessuno, mia Signora, potè tanto:

fu frutto di natura un tale impianto!”

“Che dici, bugiardo e snaturato:

tu non leggesti l’editto promulgato?

Nei mie giardini, foreste e campagne

la terra mi ubbidisce senza lagne:

nulla vi nasce o cresce ch’io non voglia

né seme né fiore né frutto né foglia!

Opera non fu di Cerere Demetra

Ma dardo tratto da sacrilega faretra.

Temerario soldato, per aver parlato,

immantinente,  dal boia sarai decapitato!”.

 

Attenta ai passi tuoi, iraconda Sovrana,

potresti malamente inciampar nella sottana.

Non ritener sia men grave lo sconquasso

Quando il cader avvien dal basso al basso.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Claude Cahun, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Non io, pietà di me. (Pubblicato il 13/10/2013 09:20:50 - visite: 785) »