Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
21 marzo - Giornata Mondiale della Poesia: La Poesia, i Poeti #poesiapoeti »
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATI I NOMI DEI FINALISTI
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 907 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Mar 12 22:04:57 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Più di un luogo d’amore

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/07/2013 09:36:58

È una lama sottile

Che penetra il fianco

Mentre respiriamo

-Un attimo di quiete-

 

 

 

Non togliere ai  piedi i tamburi

le fanfare nei passi

di  cucire monete d’oro tra i capelli

non finire  di fare l’arpa nelle vertebre

sulla via trovi frammenti di canti

all'indietro, fino alla palude

che tiene bassa l’erba-

dove un uomo disegna l’impronta

della voce che manca-  C’è tutto

nell’acqua un sesso aperto che ascolta-

l’aria il tessuto la tregua che  filtra

la supplica-  superando il pensare

dove tiene in segreto la luce invernale -

c’è un fuoco  laggiù di ottanta Mondi

dentro un mortaio una pista di scambio


Pioverà molto al suo centro

a pungere il cuore tra i rami

di Telajen. Per non tradire le cose

chiudi gli occhi anche Tu . vieni

nell’acqua -come un bambino  immaginato

nella luce invisibile  porta tra le mani

una piccola rana sulle zampe  pogggiando

le dita nell’ombra - trascorri un linguaggio

che dura  alla bocca  che Tocca l’acuto

della verbena la carne, seconda vista

più tenera di una sorella. Talvolta


si sente un sospiro di sera

quando i frutti del buio fanno radici

nei fianchi e le radici non muoiono in fiore


Nâ- Koja-Abad  è allora

l’interno si fa involucro e pelle

Piu di un luogo  d’amore di quello

non c’è punto:

dove le immagini preesistono

sottili porziuncole sdraiate come un 8

alla fine del respiro, sulla vetta dell’acqua

 

Mentre il sangue in fondo al bosco tace

-il dolore delle foglie  la bianchezza

del cielo il nudo d’acqua della martora

che indugia sul passo dei cervi-

nel paradiso delle voci  ai ripostigli

c’è  la  Pasqua delle querce, la licura

sulle pietre il trillo del tekiah

intorno ai salici ciechi

lo sfinimento delle corse dove ci  sa

felici al tempio la candelora sulla Pieve

la confessione del laghetto nella rosa


Più di un luogo acceso. Sì

-dentro la costola del cuore

tra i muscoli preghiere tra le mani

piccoli pastori- lo stesso tempo. C’è

 

la stessa montagna fuori dagli occhi dipinto

un vascello che va con la grazia di un fiore

s’incammina confondendo ciò che accade

con chi potrebbe ancora accadere 

sotto la superficie della forma . Cresce

un altro sangue  a convocare l’inaudito dove

scende un fiume così potente da generare

luce che si frange morbida nel dono

di una terra. sprofonda come un mantra


Più di un luogo 

rimane tra fratelli

d'acqua

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Le azzeruole #GiornoMemoria (Pubblicato il 27/01/2019 23:57:12 - visite: 133) »

:: Babij Jar #GiornoMemoria (Pubblicato il 26/01/2019 19:38:49 - visite: 126) »

:: Rayuela (Pubblicato il 24/01/2019 19:21:51 - visite: 132) »

:: Siamo stati angeli nell’acqua (Pubblicato il 04/01/2019 11:13:09 - visite: 203) »

:: L’acqua nascosta nel piccolo melo (Pubblicato il 30/12/2018 15:38:06 - visite: 114) »

:: La fragilissima (Pubblicato il 20/12/2018 10:07:49 - visite: 130) »

:: Più di un giungere soltanto (Pubblicato il 27/06/2018 20:18:20 - visite: 253) »

:: Pianete (Pubblicato il 05/06/2018 09:11:01 - visite: 242) »

:: Saliva celeste come un ricamo - Videopoesia (Pubblicato il 03/06/2018 22:55:00 - visite: 350) »

:: Noi (Pubblicato il 31/05/2018 01:11:06 - visite: 233) »