Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 931 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon May 20 15:52:48 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Just a rumor

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 04/08/2013 14:18:14

Un vento largo solenne

Volteggia sopra il bosco

Inondando l’aria come fuoco

Sulla quercia i geni di vidala

Nel cammino impetuoso

di una misa criolla


mosso da giustizia comincia qui 

il rumore bianco nelle foglie

a percepire le singole frequenze

con tutto il corpo le pulsazioni

di una parte troppo grande  di sé:

melodia postuma - di quiete

profondissima ferita-

feritoia insieme


"se incontri il Buddha,

 uccidilo!" t’insegnano-

Lavorerò  con la cenere negli occhi

delle preghiere Conservando soltanto

ciò che sono disposta  a perdere

delle attese del dolore il sedimento

tratterrò sulle mani la grana opaca che assorbe

la luce -non solo la sua immagine-

il respiro del vento sembra muoverla

nascondere un Dio dove meno ti aspetti

cancellando il resto. Solo una voce

il nome che può essere pronunciato.

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Pesach (Pubblicato il 20/04/2019 19:34:58 - visite: 104) »

:: Le azzeruole #GiornoMemoria (Pubblicato il 27/01/2019 23:57:12 - visite: 172) »

:: Babij Jar #GiornoMemoria (Pubblicato il 26/01/2019 19:38:49 - visite: 152) »

:: Rayuela (Pubblicato il 24/01/2019 19:21:51 - visite: 172) »

:: Siamo stati angeli nell’acqua (Pubblicato il 04/01/2019 11:13:09 - visite: 243) »

:: L’acqua nascosta nel piccolo melo (Pubblicato il 30/12/2018 15:38:06 - visite: 136) »

:: La fragilissima (Pubblicato il 20/12/2018 10:07:49 - visite: 170) »

:: Più di un giungere soltanto (Pubblicato il 27/06/2018 20:18:20 - visite: 280) »

:: Pianete (Pubblicato il 05/06/2018 09:11:01 - visite: 271) »

:: Saliva celeste come un ricamo - Videopoesia (Pubblicato il 03/06/2018 22:55:00 - visite: 386) »