Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1418 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu May 16 10:53:24 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Idiota o della Pienezza

di cristina bizzarri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 02/09/2013 22:20:59

Hans Holbein il Giovane - "Cristo nella tomba"

 

 

Idiota o della pienezza

 

                                                                 ἰδιώτης - colui che conduce una  vita privata,                                                                                                                                                            fuori della società e dai pubblici impieghi

 

                                               

 

                                                             Arrivò infine ad una conclusione straordinaria e paradossale: “Che importa se è 

 

                                                              una malattia?” concluse infine, “che importanza ha che sia una tensione anormale, 

 

                                                             se il risultato, se quel minuto di sensazioni rievocato e analizzato poi in 

 

                                                             condizioni normali si rivela armonia e bellezza al più alto grado, e dà un senso 

 

                                                             fino ad allora insospettato e inaudito di pienezza, di misura, di acquietamento e di 

 

                                                             trepida fusione di preghiera con la suprema sintesi della vita? 

 

                                         ("L'Idiota" di Dostoevskij)

 

 

 

 

 

“Sì, soltanto la mia disperata situazione :

 

creare dentro una lanterna di  ragione,

 

sì è dovere - ma con  lume d’intuizione -

 

e che  rifulgere di gloria  sia  rappresentato

 

sulla terra : un uomo, bello, sì  - intrepido -

 

di orgoglio ingenuo e smisurato, un’ idea

 

sì, sulla terra, qui, di bellezza piena ”.

 

 

 

ma da corteccia intrappolata

 

tendi le braccia e sono ancora rami

 

 

 

“infinito orgoglio e libertà sfrenata -

 

rischiare tutto, come alla roulette:

 

ecco  un che di sommesso ma penoso -

 

non indovini forse qui l’epilessia? 

 

e il volto? Non è forse calco a un cristo?

 

 

 

perché tutto questo stupore m’inquieta?

 

così ambigua la bellezza, mostro enigma

 

 

 

“un’aura lo incatena, grazia di epilessia,  

 

sublima e porge altissima preghiera  -

 

poi stringe,  libera da spine, slancia

 

fuori - il tempo, dov’è andato?-

 

salverà il mondo la bellezza!

 

 

 

cado

 

 

 

Miei piccoli Aglaja, Nastasja, e tu Ippolit:

 

Traditi, sì traditi da me cristo incompiuto,

 

E tu, del mio midollo amico sacro, scorri pure

 

Rogozin, non era  tempo di salvezza - ancora -

 

no non ancora - un seme, forse,  dopo.

 

 

 

Intanto scende un sipario di terra e il vento

 

ci trasporta insieme, tutti uguali -  tutti

 

davanti a quella tela, di Bellezza muti.

 

 

 

Per Alessandro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

cristina bizzarri, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Talita kum (Pubblicato il 12/05/2019 22:45:25 - visite: 66) »

:: Quando leggo poesie (Pubblicato il 06/05/2019 17:06:50 - visite: 93) »

:: L’intimità delle conchiglie (Pubblicato il 18/04/2019 16:01:15 - visite: 95) »

:: Ragazzi succhiavano il sole (Pubblicato il 28/03/2019 09:35:15 - visite: 107) »

:: Curriculum 2 (Pubblicato il 25/03/2019 10:15:05 - visite: 122) »

:: Ti basti una tana nel vento (Pubblicato il 13/01/2019 15:47:10 - visite: 118) »

:: In trasparenza attraversati (Pubblicato il 07/01/2019 20:10:42 - visite: 161) »

:: Che strana cosa il mondo, amore del mio soffio (Pubblicato il 07/12/2018 20:26:59 - visite: 231) »

:: Cuore di silenzio (Pubblicato il 02/11/2018 10:07:21 - visite: 181) »

:: Mentre ragazzi (Pubblicato il 27/10/2018 19:11:32 - visite: 166) »