Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
21 marzo - Giornata Mondiale della Poesia: La Poesia, i Poeti #poesiapoeti »
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATI I NOMI DEI FINALISTI
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1039 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Mar 5 17:34:59 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Come se volasse verso casa

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 8 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 23/09/2013 21:36:34

C'era il nostro sguardo nel giardino 

una religione creata indovinando

ciò che gli occhi non sanno più di avere

nel silenzio selettivo :

la bellezza dei fiori, lucida

in un lago senza fondo

di fronte una montagna, immensa

siamo Noi

sotto un cielo tanto irraggiungibile

da non intendere cosa possa accadere

tra il profumo e il fiore 


di tanto splendore s'arricchisce la Vita

come  volasse  la casa dentro un verso 

la sorte che c'incontra  nello "scambio"


Nel giardino di Fiori belli

tra i bellissimi. coltivati

ci stavamo innamorando..

 

dove la perla.azzurra si nasconde

tra l'anemone che spunta dietro casa

là davanti ci siamo visti nudi

ad occhi chiari

dove il futuro è già accaduto


Nello sguardo "ritornato" dello specchio

lenisce il  suo tormento un rito

poco a poco solleva la speranza

prima che ritorni il buio fitto :

la veste bianca

si svolge sopra un Rullo

muove con le mani lentamente

la Forza che avvicina  il più possibile

all'intangibile sapienza della meta

celebrando la nostra solitudine

.vertiginoso enigma d'innocenza.


Conosce segreti un'anima dei corpi

l'inesprimibile della Notte di Novalis

dove Giobbe ci tiene tra le braccia

dove il dolore si dilata nel dolore

c’è consolazione  presi nel respiro

nella rinuncia la nostra guarigione

come se volasse verso casa

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 8 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Le azzeruole #GiornoMemoria (Pubblicato il 27/01/2019 23:57:12 - visite: 133) »

:: Babij Jar #GiornoMemoria (Pubblicato il 26/01/2019 19:38:49 - visite: 126) »

:: Rayuela (Pubblicato il 24/01/2019 19:21:51 - visite: 132) »

:: Siamo stati angeli nell’acqua (Pubblicato il 04/01/2019 11:13:09 - visite: 203) »

:: L’acqua nascosta nel piccolo melo (Pubblicato il 30/12/2018 15:38:06 - visite: 114) »

:: La fragilissima (Pubblicato il 20/12/2018 10:07:49 - visite: 130) »

:: Più di un giungere soltanto (Pubblicato il 27/06/2018 20:18:20 - visite: 253) »

:: Pianete (Pubblicato il 05/06/2018 09:11:01 - visite: 242) »

:: Saliva celeste come un ricamo - Videopoesia (Pubblicato il 03/06/2018 22:55:00 - visite: 350) »

:: Noi (Pubblicato il 31/05/2018 01:11:06 - visite: 233) »