Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 928 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri May 17 12:35:04 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Affidarsi

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/09/2013 14:28:34

Tra giganti e ostinati pescatori
l’enormità quasi innaturale
nel mare dell’ombra che ci sfida
al grasso d’olio agli spermaceti
fino alle ossa, all’ambra grigia:
la resistenza muta non ci salverà

 Tutto scorre ma non passa

-come rondini finite in una stanza

picchiando la testa contro il muro-

pena l’ottuso atto di fiducia
del gabbiere

                   in assenza di vento
che dagli alberi sale i pennoni
quello che sa più di tutti dov’è
che il mare finisce e comincia
tra mistero e confine la terra
a métà del guado, dal nulla
(come) un fiume a Prati di Drava,
si fa attesa più certa . tensione

                                                  fondata
la mano instancabile che tocca i malati
                                                di sabbia
plasmando un volto di carne.  nel volto
affidarsi

                        nella seconda innocenza
al distacco - come punto d’arrivo
il "non Volere"-


battendo cortecce di gelsi nell’acqua
fino alla pasta morbida e mite

-questa. e l’unica lacrima insieme-
ad asciugare sopra un telaio
pochi metri più in alto la luce
dove hai riposto le rose

                               inattaccabili. ma

quando mi sveglio dentro ai sogni
alle pareti fisso col respiro
mutissimi sapienti e oggetti interni:
colorano in amplessi le figure
con uno sguardo prima che dileguino
si stende sopra il ventre quel disegno:

di chi  s’è messo a nudo

                                     per essere

protetto

È  da lì che muovono le Cose

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                             -disegno scuole elementari-


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Pesach (Pubblicato il 20/04/2019 19:34:58 - visite: 95) »

:: Le azzeruole #GiornoMemoria (Pubblicato il 27/01/2019 23:57:12 - visite: 168) »

:: Babij Jar #GiornoMemoria (Pubblicato il 26/01/2019 19:38:49 - visite: 149) »

:: Rayuela (Pubblicato il 24/01/2019 19:21:51 - visite: 167) »

:: Siamo stati angeli nell’acqua (Pubblicato il 04/01/2019 11:13:09 - visite: 242) »

:: L’acqua nascosta nel piccolo melo (Pubblicato il 30/12/2018 15:38:06 - visite: 134) »

:: La fragilissima (Pubblicato il 20/12/2018 10:07:49 - visite: 166) »

:: Più di un giungere soltanto (Pubblicato il 27/06/2018 20:18:20 - visite: 276) »

:: Pianete (Pubblicato il 05/06/2018 09:11:01 - visite: 266) »

:: Saliva celeste come un ricamo - Videopoesia (Pubblicato il 03/06/2018 22:55:00 - visite: 382) »