Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1022 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Mar 31 13:37:41 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Sei Cento Quarantasei

di Emilia Filocamo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/11/2013 20:13:39

I muli - Lattari dormono anche

stasera, la fredda colata è nera

e dalla punta di tutte le punte

si muove discreta

un'anca più chiara: il morticino

Luna ci prova a fiatare, ma poi

subito smette ed il ricordo è

martirio. Più sopra, dove

l'abitato è afono, stanno le

tane di chi ha traslocato: bionde,

bruni, giacche ed ombrelli, pari

e dispari, troppo presto o longevi.

Sui miei nonni non ci sono nomi:

la Croce è il nano di due cumuletti

smemorati, la terra una gobba,

 il  boa  digerisce ex bambini

sotto coperta, arca che ruba

alle case con buio rintocco.

I miei nonni sono spenti

in quel letto da anni: papà

volle che fossero zolle senza

mai marmo,  i fiori sparsi,

coriandoli  anche post martedì grasso.

Ogni tanto un tafano ronza intorno

e li prega. E racconta, piccione

furioso, i giorni di chiusura e

 quelli di concerto, il mio ventre

ancora sfitto e l'abito che mi corre

davanti, bianco poltergeist sacro.

E di me in catene che,  sciocchina

e sudata, da tempo gli

tendo il patetico agguato.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Emilia Filocamo, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Due Mila e uno (Pubblicato il 15/02/2018 11:24:17 - visite: 181) »

:: Due mila (Pubblicato il 24/01/2018 11:25:01 - visite: 178) »

:: Due Mila Uno (Pubblicato il 11/09/2017 18:14:09 - visite: 248) »

:: Due mila (Pubblicato il 17/08/2017 16:19:35 - visite: 222) »

:: Mille e quarantasette (Pubblicato il 18/04/2017 17:08:32 - visite: 341) »

:: Massimiliano (Pubblicato il 12/04/2017 20:57:15 - visite: 255) »

:: Mille e quarantasei (Pubblicato il 08/03/2017 20:24:10 - visite: 274) »

:: Mille e quarantacinque (Pubblicato il 04/03/2017 14:02:59 - visite: 293) »

:: Mille e quarantaquattro (Pubblicato il 23/02/2017 17:08:49 - visite: 291) »

:: Mille e quarantatre (Pubblicato il 15/02/2017 19:31:11 - visite: 344) »