Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1282 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Apr 13 05:42:10 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Abbiamo smesso di camminare

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/11/2013 22:57:49

Abbiamo smesso di camminare

Fatto l’amore tra i rami

Nello spazio cavo di un tronco

E di noi stessi. I volti somiglianti

A figli nostri-  ancora bianchi di tamburi-

A un giorno che non muore, una madre

Che non fa un passo con in petto il sole

Niente potrebbe svegliarci

Disincarnati e pieni di luce

Ornati di foglie con mani d’argento

Nessuna parola descrive l’interno solitario

Gli sposalizi di albero in albero

Le volute delle immagini , le meraviglie

Di un bosco coraggioso,  l’ultima canzone,

Dilatandoci lo sguardo, senza voce,

Nel Vuoto della gioia. Eravamo inesistenti

Al viaggio delle distanze, come specchi

Seduti sul bordo di un letto

Nascosto in campo d'amore

 

Col chiarore del  pensiero ci avvertiamo

conservandolo -col calore se potessimo-

è già amare-

 

Riesci a sentirli? Puoi sentire i tamburi?

Tutto ritorna a casa. Senza lasciarci soli

L’Assenza. L’anima vede, basta un Nulla,

E siamo doppi sebbene ciechi, sentiamo

Ritornare la luce di ogni giorno. Per vivere

Ci contempliamo trasparenti ci attendiamo

Nel grande centro Silenziosamente

Abbiamo smesso di camminare

Per ricevere la Luce che rimane


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Le azzeruole #GiornoMemoria (Pubblicato il 27/01/2019 23:57:12 - visite: 153) »

:: Babij Jar #GiornoMemoria (Pubblicato il 26/01/2019 19:38:49 - visite: 138) »

:: Rayuela (Pubblicato il 24/01/2019 19:21:51 - visite: 148) »

:: Siamo stati angeli nell’acqua (Pubblicato il 04/01/2019 11:13:09 - visite: 222) »

:: L’acqua nascosta nel piccolo melo (Pubblicato il 30/12/2018 15:38:06 - visite: 126) »

:: La fragilissima (Pubblicato il 20/12/2018 10:07:49 - visite: 148) »

:: Più di un giungere soltanto (Pubblicato il 27/06/2018 20:18:20 - visite: 269) »

:: Pianete (Pubblicato il 05/06/2018 09:11:01 - visite: 251) »

:: Saliva celeste come un ricamo - Videopoesia (Pubblicato il 03/06/2018 22:55:00 - visite: 366) »

:: Noi (Pubblicato il 31/05/2018 01:11:06 - visite: 238) »