Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
21 marzo - Giornata Mondiale della Poesia: La Poesia, i Poeti #poesiapoeti »
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATI I NOMI DEI FINALISTI
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1186 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Mar 22 11:55:09 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Poiché perduti i giardini di infanzia

di Paolo Melandri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/12/2013 19:21:50

 

Poiché perduti i giardini di infanzia

 

Poiché perduti, i giardini d’infanzia

sono l’irraggiungibile tesoro;

sono tesoro perché irraggiungibili,

vera realtà impossibile e precaria.

 

È infatti questa – o pare – la natura

dei desideri: il loro non-coincidere

con la realtà concreta, il loro tendere

(abietto è il parossismo) all’impossibile.

 

Eppure, riflettendo, ci è spontanea

la tenerezza ai meccanismi inconsci:

tali noi siamo, in fondo, ed è guadagno

conoscere noi stessi per sorridere

a chi ci è accanto, a volte; ma il sorridere

 

non è sorriso mai di scherzo e scherno

se non nell’acqua della superficie;

e tantomeno questo è compassione

perché cum-pati è raro ed è miracolo

e poche volte irradia il quotidiano.

 

Ma sparagmòs è il vivere sperduti

in mezzo agli altri, dis-autenticandosi;

(la) disponibilità cresce totale

e nel crescendo della vita sparsa,

 

nel (non) soffrire dei disiecta membra,

troviamo convergenze entro i confini

dei verdeggianti giardini d’infanzia,

perduti paradisi, (ça) va sans dire,

 

ma un minimum che, proprio perché perso,

rende realtà, vissuto, un’esprienza

che, declinata nei più vari modi,

ci fa tutti soggetti intercambiabili:

 

orfani siamo tutti dell’eterna

tensione del desiderare invano:

l’iperbole dei mondi immaginati

fa condivisa questa in-esistenza

in divenire precario e imperfetto.

 

Mistero è la realtà del desiderio:

poco vediamo, un poco più intuiamo;

sentiamo in noi un esistere dinamico

che ci motiva gli atti e le rinunce.

 

 

 

 

 

 

Paolo Melandri

18 dicembre 2013

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Paolo Melandri, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Alba di fiori (Pubblicato il 18/03/2019 21:26:24 - visite: 22) »

:: Il cerchio sacro (Pubblicato il 04/03/2019 21:39:18 - visite: 37) »

:: Inno olimpico (Pubblicato il 01/03/2019 21:48:33 - visite: 42) »

:: Nelle sale di Pergamo (Pubblicato il 01/03/2019 20:51:54 - visite: 26) »

:: Le statue (Pubblicato il 27/02/2019 23:10:35 - visite: 55) »

:: Testa di bronzo (Pubblicato il 27/02/2019 14:39:06 - visite: 36) »

:: Così quieta (Pubblicato il 26/02/2019 21:19:12 - visite: 52) »

:: Oracolo di Delfi (Pubblicato il 24/02/2019 02:51:55 - visite: 46) »

:: Il Centauro Nero (Pubblicato il 22/02/2019 20:37:14 - visite: 33) »

:: Giorni primari (Pubblicato il 20/02/2019 20:59:09 - visite: 50) »