Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
21 marzo - Giornata Mondiale della Poesia: La Poesia, i Poeti #poesiapoeti »
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATI I NOMI DEI FINALISTI
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 910 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Mar 16 07:05:24 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Matrice minerale

di Caterina Bigazzi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/05/2014 17:24:28

Matrice minerale

(generazioni)

 

Roccia, le donne che ti hanno preceduta.

 

Sulla roccia, si sa, sconfinano le aquile

e scroscia il lagnarsi del cielo, posano

antenne di farfalla i passi di chi impara

a camminare, si reggono teatri di famiglia,

s’intrecciano radici e millenni di foreste.

Da fuori intrigano i fossili in colori

sfaccettati, anche se dentro più di un tarlo

sassoso ne sgretola l’intimo, non visto.

Ispìrati.

 

Ma la roccia, chi la ama appena?

Chi la traspare fino a specchio,

o ne ammorbidisce la manna del volto,

le sue vene chi le sente scorrere?

Tutta scritta, composita, compiuta,

lascia orfani detriti di coscienza.

Al centro della terra, gli altri mondi

solo attendono che ceda la corazza.

                                    Ripensaci.

 

Meglio forse che si veda, il cuore di muschio verde.

 

 

 

 

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Caterina Bigazzi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ecco la prova del vento (Pubblicato il 12/04/2015 23:40:18 - visite: 627) »

:: I.n.r.i. (Pubblicato il 30/03/2013 00:00:57 - visite: 948) »

:: La serra (Pubblicato il 24/03/2013 15:30:40 - visite: 987) »

:: Genesi geometrica (Pubblicato il 03/03/2011 19:12:00 - visite: 1074) »

:: Scrivere per le formiche (Pubblicato il 20/02/2011 10:36:27 - visite: 1027) »

:: Il demone fedele (Pubblicato il 17/02/2011 21:19:43 - visite: 985) »

:: Perdoni (Pubblicato il 05/02/2011 21:35:20 - visite: 947) »

:: Tempo di Saggezza (Pubblicato il 04/02/2011 15:49:05 - visite: 877) »

:: Il cono d’ombra (Pubblicato il 02/02/2011 16:15:41 - visite: 1026) »

:: Nacqui (Pubblicato il 28/02/2010 18:51:34 - visite: 935) »