Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 598 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat May 18 10:55:32 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Piano evasivo

di Ada Aliprandi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/08/2014 12:32:09

Nessuno parla della nostra solitudine
immersa tra milioni di click
Nessuno parla dei mostri acidi che ingoiamo
aspettando che la notte insonne svanisca
Volti al futuro marcio i nostri picnick tra neologismi
di falsi dei.
Riutilizzate le stesse poesiole e le ripassate di glassa
o di merda, secondo la voglia della platea del momento
I giochi che manipolate sono vecchi
e li vendete come robba nuova in realtà è
solo un mal copia di rivoluzioni scadute
(Ma parlo di te! Non di quello lì che indichi davanti al sipario!)
Fuori dal mondo coi sogni in abbandono
La voglia di starci presa a botte mentre guardi e ne chiedi di più
Nuove croci nel tuo virtual cervello e va bene così.
Non ne parla nessuno della solitudine.
Nemmeno voi della vostra
Così moderni e così connessi al vuoto fragore
multidinamico di parole sbagliate.
Ed io sarò più moderna di voi.

Bevo con te, amore, mentre mi stringi e mi sussurri
che la stagione cattiva è finita
Il mondo si capovolge e ci ricordiamo che la vita, in fin
dei conti, è una puttana simpatica
Un po' di terrore, dopo il sussulto, mi rapisce
convulso, mi coglie con lo sguardo assorto verso
il cielo; il mio cielo più vicino.
Noi ci teniamo per mano e beviamo una doppio malto
... mille orgie di pensieri tra i nostri sguardi di animali
feriti.
Voci ignoranti (nel senso che ignorano) intorno a noi
di gente che ride e non si diverte.
Non ho bisogno di ridere accanto a te;
sono libera di piangere in queste lunatiche fragili
sere,
anche quando le mie lacrime significano Amore.

La birra costa troppo, ma puoi comprarti un cellulare:
si vivono più cose dentro una scatola.
Dove sono tutti? Io ho perso il desiderio di cercarli.
Cosa c'è di mio? Esiste qualcosa nostra e basta?
Neppure la poesia è mia.
Non so scrivere, ma scrivere è diventato veramente banale.
E' virtuale quest'occhio che ti spia e che ti obbliga a sembrare.
E dunque per cosa ti mostri?
I pensieri hanno bisogno di manutenzione,
sono severi e privi di fantasie nuove,
ma mi tengono compagnia:
l'unica cosa che posso fare è parlarmi.

Posso resistere, questa resistenza che è solo sopportazione,
affinchè rivenga lunedì con una nuova intenzione,
così ingenua da provare vergogna nel rimostrarla.
Qui non c'è spazio per arrancare ancora.
Il cuore si ribella alla pietas criminale, chiudendo le porte.
E' inutile che io vi dica 'non ho bisogno di voi',
se mentre lo dico chiedo il vostro perdono

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Ada Aliprandi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Tra le crepe del vento (Pubblicato il 26/05/2016 13:53:16 - visite: 1257) »

:: È una storia diversa (Pubblicato il 31/05/2015 19:21:57 - visite: 499) »

:: Smetto di starti appresso (Pubblicato il 16/03/2015 18:57:07 - visite: 342) »

:: A no mia (Pubblicato il 27/11/2014 15:39:43 - visite: 423) »

:: L’oktoberfest della mente (Pubblicato il 08/08/2014 12:29:18 - visite: 490) »

:: Il bosco del conte (Pubblicato il 17/01/2014 11:45:15 - visite: 896) »

:: senza titolo (Pubblicato il 14/01/2013 16:56:02 - visite: 1255) »

:: Pensieri parassiti (Pubblicato il 11/11/2012 11:29:04 - visite: 934) »

:: Il cuore non sa star Solo (Pubblicato il 20/10/2012 14:49:46 - visite: 970) »

:: Sentimenti psichedelici solitari (Pubblicato il 08/10/2012 08:31:35 - visite: 873) »