Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 823 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun May 19 15:38:03 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Dove mettono i piedi per bagnarsi

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »



Questo testo ha una registrazione audio che l'accompagna, per ascoltare clicca su Play:

Clicca qui per visualizzare, di tutti gli autori, tutte le poesie con l'audio »

Pubblicato il 18/11/2014 23:54:25

C'è un canale buio sotterraneo

che sbuca in una piccola cappella

per raggiungere i polmoni,

appena fuori dal tuo cuore

e un piccolo mulino che mi avvisa

del focolaio d'acqua che si muove 

nella pausa del respiro come in piena 

seccando le montagne 

sull'enorme fianco della terra

 

nel mio orecchio debole fruscia la luce 

della tua sposa già negli occhi

mentre mordi il pane per raggiungerla 

è con la volontá del frutto

che vuoi cadere, nel tuo solco

legando la carica del vento

con la luce fioca che ti resta 

nei movimenti brevi della pelle 

racimoli la danza in quell'istante

ti sollevi ripetendo l'ombra

di un profilo che non muta 

il tuo sorriso, e una voce dentro

nel tragitto silenzioso verso il sole

 

dal foro stesso delle lacrime

dicono che il mare accoglie il mare

che copre ogni distanza.

Se c'è un fiume in piena luce sul tuo viso

è da lì che viene il suono_

                                     senza suono

che fluisce senza fine in altre acque

 è da lì che passan gli angeli

dove mettono i piedi per bagnarsi.

 

17.11.2014


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Pesach (Pubblicato il 20/04/2019 19:34:58 - visite: 104) »

:: Le azzeruole #GiornoMemoria (Pubblicato il 27/01/2019 23:57:12 - visite: 172) »

:: Babij Jar #GiornoMemoria (Pubblicato il 26/01/2019 19:38:49 - visite: 152) »

:: Rayuela (Pubblicato il 24/01/2019 19:21:51 - visite: 172) »

:: Siamo stati angeli nell’acqua (Pubblicato il 04/01/2019 11:13:09 - visite: 243) »

:: L’acqua nascosta nel piccolo melo (Pubblicato il 30/12/2018 15:38:06 - visite: 136) »

:: La fragilissima (Pubblicato il 20/12/2018 10:07:49 - visite: 170) »

:: Più di un giungere soltanto (Pubblicato il 27/06/2018 20:18:20 - visite: 280) »

:: Pianete (Pubblicato il 05/06/2018 09:11:01 - visite: 269) »

:: Saliva celeste come un ricamo - Videopoesia (Pubblicato il 03/06/2018 22:55:00 - visite: 386) »