Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 907 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed May 1 05:00:51 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Siamo completamente soli e onde

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »



Questo testo ha una registrazione audio che l'accompagna, per ascoltare clicca su Play:

Clicca qui per visualizzare, di tutti gli autori, tutte le poesie con l'audio »

Pubblicato il 24/11/2014 20:15:25

Fu un atto di silenzio, un gesto d'ammirazione

di fronte all'abisso del mistero,

come a ricevere il potere di sospendere la domanda

con le mani piene di lettere persiane

volevi costruire la nostra casa

di sostanze viventi, le porte di musica,

un luogo nel quale congiungere le verità

e le illusioni.

 

La strada era l'acqua, a ricevere la voce

non siamo immortali ma eterni

nel lago profondo di vibrazioni

dei seni infiniti della natura

 

Ricordi quando di fronte al tuo quadro

noi stessi eravamo la fuga?

Un corpo interiore di palpebre tagliate

camminava realmente e portava la luce

mostrando la bianchezza delle ossa.

Era vero:> Le ossa fioriscono,

la visione in sé le cresce, rotolando

come le cinque magilloth ed ora..

stendi il tuo mantello con l'azzurro dentro

dormi  sull'acqua con me

dov'è limpida canto il canto di Ruth:

 

una ghirlanda di frammenti ci riporta

all'origine, un alfabeto si diffonde nel lavacro

con tutta la forza vasta e terribile

preparando il natale sempre più

ciò che è vero, che scorre

le nostre membra intorno al falò.

 

Vedremo con le mani  nel pozzo originale

fiorire un gambo verde all'incontrario

nel ricordo della luce, nel possibile che sogno

faremo contatto con l'eterno,

dove siamo nati prima-nel movimento della quiete-

mangiando il sole, e il suo splendore

e la luce della luna. Vedi quanti buchi

ci siamo fatti ! dove passano le cose

che accadono nello spazio vuoto

della fessura,  tra il nulla e un altro nulla,

noi danziamo su quell'orlo! per finire il ciclo del samsara

ci vestiamo così, coi cinque colori,

col mandala che hai disegnato per noi

e la forza, forte di ogni forza,

rovescerà  l'8 sul cappello del bagatto

fermando le scimmie da un ramo a quell'altro

e il  karma alla vita.

 

Ohh.. non costruiremo più una nuova casa,

per ottenere il silenzio, scorgendo il divino

che è in noi, costante dimora, col matto

cammineremo, col fagotto del coraggio,

nella libertà perfetta e spaventosa

dell'andare avanti, testimoni,

tra zolle di terra,  di pietre d'oro,

non suscettibili di bellezza,

formando una corona,  un esercito

di figli della luce.

 

Non ci sono riti sufficienti di soccorso.

Siamo completamente soli  e onde...

 

solo se ti giri, se mi guardi, faccio corpo

se mi perturbi in tutto l'universo

ti tocco, nell'istante infinito di distanza,

per mettere insieme tutte le scintille

dei frammenti degli specchi,

per rendere,  nelle mani di sofia,

quel sorriso uno e testimone,

dissolvendoci soltanto

nelle radici della sua natura.

 

https://www.youtube.com/watch?v=sS-kY1hBl90


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Pesach (Pubblicato il 20/04/2019 19:34:58 - visite: 95) »

:: Le azzeruole #GiornoMemoria (Pubblicato il 27/01/2019 23:57:12 - visite: 168) »

:: Babij Jar #GiornoMemoria (Pubblicato il 26/01/2019 19:38:49 - visite: 149) »

:: Rayuela (Pubblicato il 24/01/2019 19:21:51 - visite: 167) »

:: Siamo stati angeli nell’acqua (Pubblicato il 04/01/2019 11:13:09 - visite: 242) »

:: L’acqua nascosta nel piccolo melo (Pubblicato il 30/12/2018 15:38:06 - visite: 134) »

:: La fragilissima (Pubblicato il 20/12/2018 10:07:49 - visite: 166) »

:: Più di un giungere soltanto (Pubblicato il 27/06/2018 20:18:20 - visite: 276) »

:: Pianete (Pubblicato il 05/06/2018 09:11:01 - visite: 266) »

:: Saliva celeste come un ricamo - Videopoesia (Pubblicato il 03/06/2018 22:55:00 - visite: 382) »