Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1273 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Apr 9 04:43:55 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Con un filo all’orizzonte c’è mio padre

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 11 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »



Questo testo ha una registrazione audio che l'accompagna, per ascoltare clicca su Play:

Clicca qui per visualizzare, di tutti gli autori, tutte le poesie con l'audio »

Pubblicato il 07/12/2014 23:25:10

È la prova più grande,

nell’oscura sorgente

giacimento di luce, di forza

chiamata ad aprirsi,

nel colpo di tuono

 

ricordando che siamo già nati

ti accompagno, padremio...

camminiamo fino al nucleo

del nostro matrimonio

per partorire  il figlio che ora vede

che emerge dalla madrenera,

coscienti della luce che essa porta

 

il taglio nei polmoni

è la breccia che conduci sull'altare -

nell’orecchio, meraviglioso nato

da un silenzio così grande,

labirinto e mandala dell'avventura umana

nella conca che contiene l’Om -

fino all’apertura, all’effetha che unisce

la dura madre con la pia

lungo tutta la salita dell'albero vitale

 

è il mare dei midolli  che si ritira

per brillare fino alla camere nuziali

dove si spande in  bianco la corona

col suo primo raggio, col corno d’Amon

e i capelli piantati nel cielo, illuminati.

 

Sono tutta la donna che canta, tua figlia,

la sua preghiera silenziosa, 

nella lingua madre di un bambino,

sotto le coperte, eppure, tu, 

mi guardi come se corressi

annidata nell'utero invisibile del bosco,

dal buco notturno della stanza

con un suono ulteriore, minuta, 

per rendermi forte alla vita

l'orecchio più debole, in fondo

 

nella mia corsa a perdifiato 

per sottrazione prendo forza all'ospedale,

dall'assenza  che rinasce la potenza 

e il salto nudo, per vedere, 

attraverso le ossa della carne,

l'abisso della gioia, nella piena

del tuo andare,

udendo per la prima volta 

spandere  il tuo tesoro:

 

il ritorno dell'eterno, che coincide con l'origine

di tutte le parole nella bocca. Madre,

il tutto che ci manca, in cui manchiamo,

nel sublime, c'è, nell'albero in travaglio

la Fratellanza  di una notte umile,

al separarsi delle sue mattine,

al chiaro venuto dentro gli occhi

lanciato in direzione di quel sole

che pulsa come un tronco a filo d'acqua

che ti siede sopra il cuore come un frutto

 

è  mansuetudine al vento prealpino

negli specchi rosa dell'anima all'aperto

lo scintillio che fa spiragli tra le mani

lasciando per visione ciò che manca

come tra le gole di montagna

o camminando per Palmira

abbagliati dalla polvere del cielo,

stesa al suolo con un filo..

 

Con un filo all'orizzonte c'è mio padre,

di un blu assoluto, che rimane


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 11 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Le azzeruole #GiornoMemoria (Pubblicato il 27/01/2019 23:57:12 - visite: 153) »

:: Babij Jar #GiornoMemoria (Pubblicato il 26/01/2019 19:38:49 - visite: 138) »

:: Rayuela (Pubblicato il 24/01/2019 19:21:51 - visite: 148) »

:: Siamo stati angeli nell’acqua (Pubblicato il 04/01/2019 11:13:09 - visite: 222) »

:: L’acqua nascosta nel piccolo melo (Pubblicato il 30/12/2018 15:38:06 - visite: 126) »

:: La fragilissima (Pubblicato il 20/12/2018 10:07:49 - visite: 148) »

:: Più di un giungere soltanto (Pubblicato il 27/06/2018 20:18:20 - visite: 269) »

:: Pianete (Pubblicato il 05/06/2018 09:11:01 - visite: 251) »

:: Saliva celeste come un ricamo - Videopoesia (Pubblicato il 03/06/2018 22:55:00 - visite: 366) »

:: Noi (Pubblicato il 31/05/2018 01:11:06 - visite: 238) »