Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATI I NOMI DEI FINALISTI
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 811 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Mar 16 07:40:51 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Era la stagione del glicine in fiore

di Marina Pacifici
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/02/2015 19:18:42

Cosa mai potrò narrarti
mentre dormi nella valle d' inverno
ed un raggio d'oro accarezza il tuo riposo
vinta la tenebra del dolore.

Quali parole farò per te sbocciare
sciogliendo il ghiaccio
che da anni m' assidera il cuore.

Forse un ricordo fanciullo
nella girandola variopinta di pensieri
mi farà ritrovare a te vicino, padre,
sui sentieri di ieri.

Si spegneva nei tuoi passi il sole
sorridendo tra le sere d' estate
ed il profumo di rugiada
si perdeva nel respiro del giardino.

O forse erano i tuoi racconti
fragranti di agreste nostalgia,
la melodia dolce della tua voce
nel bagliore di mille lucciole
a illuminare il mio cuore bambino di luce.

Era la stagione del glicine in fiore.

Ora che il sorriso di quel tempo si è perduto
soltanto questo rammento
di una vita insieme, Tu lo sai,
la storia di un amore
scritta nel vento.

In memoria di mio padre

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Marina Pacifici, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ti porterò un ramo di pesco (Pubblicato il 23/03/2019 13:57:13 - visite: 20) »

:: Nel sorriso triste di una viola (Pubblicato il 19/03/2019 15:20:09 - visite: 25) »

:: Vorrei trovare oltre la frontiera (Pubblicato il 17/03/2019 15:15:49 - visite: 30) »

:: Primavera (Pubblicato il 10/03/2019 13:44:07 - visite: 42) »

:: Il profumo segreto di stagioni perdute (Pubblicato il 09/03/2019 13:47:11 - visite: 47) »

:: Domenica di sole sul lungolago (Pubblicato il 03/03/2019 13:53:37 - visite: 47) »

:: Un dolore grande come il mare (Pubblicato il 24/02/2019 10:47:28 - visite: 54) »

:: Una domenica, sai, come tante (Pubblicato il 17/02/2019 13:59:27 - visite: 65) »

:: Un angelo sorride nei ricordi (Pubblicato il 12/02/2019 13:58:49 - visite: 65) »

:: Dimmi, Padre (Pubblicato il 09/02/2019 14:33:42 - visite: 60) »