Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 810 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jun 1 10:29:03 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Oltrevita di un infante

di Paolo Melandri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 02/05/2015 19:56:12

Ma quali nomi ho imparato,

il cane, la mucca, l'elefante,

da tanto tempo e ormai

così lontani, e la zebra,

e non so più perché?

Quello che mi ha preso ora

trabocca oltre a tutto.

Ed è la pace sapere finalmente

che esistevamo senza cercare

oltre le cose, lievi o resistenti,

un volto che comprende?

 

E queste mani solo incominciate -

 

Voi dicevate, a volte: Lui promette...

Ma le mie promesse non mi fanno

paura ormai. Talvolta

seduto accanto alla casa

guardavo il volo degli uccelli.

Avessi potuto diventare io

quella contemplazione. Mi trascinava

in alto, gli occhi sempre più

spalancati. E non amavo nessuno,

amore che significava aver paura -

 

Tu lo sai, vero, che mai

sarei stato un "noi", eppure

ero più grande di un uomo,

come se fossi io la paura

e dentro ne fossi il nocciolo.

 

Quel nocciolo, lo lascio, lo getto

per strada e nel vento.

Perché non ho mai creduto che noi

fossimo insieme, tutti uguali.

Lo giuro. Parlavate, ridevate,

eppure in quel ridere e parlare

nessuno era davvero se stesso.

Né la zuccheriera, né il bicchiere

del vino si muovevano come voi.

La mela anche stava ferma.

Bello era prendere quella mela,

talvolta, piena e solida, come

quel tavolo, quelle tazze

silenziose della colazione;

e come erano a posto, come

il tempo si tranquillizzava in loro.

Anche i miei giocattoli mi parevano

a volte rassicuranti. Erano

fidati, come le altre cose;

solo non così tranquilli.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Paolo Melandri, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Paolo Melandri, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ultimo saluto agli astronauti (Pubblicato il 23/06/2019 00:35:50 - visite: 22) »

:: Toni smorzati (Pubblicato il 18/06/2019 21:07:32 - visite: 26) »

:: Equisetum (Pubblicato il 16/06/2019 13:25:49 - visite: 30) »

:: Dopo la Vendemmia (Pubblicato il 15/06/2019 13:01:03 - visite: 37) »

:: Nelle ore mattutine addensamenti locali di nebbia (Pubblicato il 14/06/2019 23:56:48 - visite: 25) »

:: Biforcazioni (Pubblicato il 14/06/2019 12:13:12 - visite: 24) »

:: Domande ai cosmologi (Pubblicato il 13/06/2019 13:26:24 - visite: 17) »

:: Sotto la pelle (Pubblicato il 09/06/2019 23:39:00 - visite: 21) »

:: Ti insegno a percepire il dolce incanto (Pubblicato il 09/06/2019 14:07:56 - visite: 21) »

:: Il tuo incanto sbocciò tra voli azzurri (Pubblicato il 25/05/2019 22:48:17 - visite: 57) »