Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 583 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Sep 17 08:40:49 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

piove fuori, intanto

di Vlad
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 23/06/2015 00:31:56

e di sera ha mai provato 
a berti il tuorlo del cielo? 
quello che ti preme in testa 
lo perdi a pochi conati dal cesso 
 
etcetera. etcetera. 
 
la bocca di una donna 
nel vicolo di una taverna, 
jassie rasenta i muri della città vecchia, 
l'apostolo del Signore 
che si inebria con la grappa 
 
grida al vento la sua memoria. 
- pensavo la conoscesse ancora - 
 
di carni uscite 
dalle macchine a vapore, 
di mamme default, 
del fumo all'anice verde, 
 
di spruzzi di polvere di acero campestre, 
mani della sera 
che riavvolgono la luna dal letto. 
jassie, la mammella 
 
più grossa l'aveva sul collo 
e tra i denti solo la tracotanza 
degli angeli. la sua spinta 
 
a non difendersi dall'assalto 
di insetti che girano operosi nel bagno
fanno l’alta marea.
 
potrei inebriarmi di cieli stranieri, 
cogliere un gin da un'alba dispersa nel volo 
 
tra la terra e me la distanza è solo un sogno 
che mi regala la vista dei labari in parata 
(la bussola regola bene gli imbecilli) 
e affamarsi di soli così vecchi 
 
- ad oriente è perduto colui che salpa - 
 
ma la mezzanotte già scuce le vesti 
di stelle che imparammo a descrivere 
a singhiozzi. andarono con l'oro 
 
tra i denti, e tornarono con il nero 
sulla bocca. potrei imbarcarmi 
 
un giorno. solo per il gusto di imbarcarmi 
èèèèè (e poi un sordo rimbombo)
che tante volte lo feci 
stando solo a braccia conserte. 
 
potrei fissare a lungo un oggetto 
fino a non farlo esistere più, 
fino a che quello non diventi parte 
di me, come se l'occhio stranamente 
avesse un suo occhio. 
 
o potrei fischiettare mentre tutti 
 
sono intenti a lavorare il ferro. 
e l'altro ti guarda, come a voler dire 
che cazzo fa quello che fischietta 
invece di lavorare il ferro. eppure
stando in ascolto,
 
ditelo a sam se iconoclasticamente 
il pesce non rappresenta la migliore figura 
dell'impiccato. ma (mentre arrivo ad un passo da te, 
 
mi accorgo che il tuo respiro è già accelerato) 
quanti pistoni sei riuscito a forgiare ora, sam? 
EH SAM? se in quel momento non parli di roospppveelt 
sei spacciato. intanto fuori piove 
 
ed una signora ha problemi con un ubriaco.
 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Vlad, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Vlad, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: serapione (Pubblicato il 24/09/2016 00:43:14 - visite: 414) »

:: amai (Pubblicato il 08/08/2015 02:22:19 - visite: 542) »

:: amo te e i tuoi soldi (Pubblicato il 01/08/2015 00:39:56 - visite: 612) »

:: sposa (Pubblicato il 01/08/2015 00:33:18 - visite: 580) »

:: visita al cimitero (Pubblicato il 11/07/2015 14:52:01 - visite: 536) »

:: chi è che mi disse che strauss suona da dio? (Pubblicato il 11/07/2015 14:42:38 - visite: 553) »

:: in attesa di gutter (Pubblicato il 05/07/2015 00:24:56 - visite: 599) »

:: nei miei occhi è solo dipinta la tua voce (Pubblicato il 04/07/2015 02:17:39 - visite: 383) »

:: non dice mai che va via colui che non torna (Pubblicato il 04/07/2015 02:11:18 - visite: 368) »

:: il mio corpo è vergine da sempre (Pubblicato il 28/06/2015 01:19:44 - visite: 508) »