Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Arte e scienza: quale rapporto? [L’arte e la scienza in 72 autori | e-book n. 239]
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 397 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Feb 13 08:31:02 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il salvagente

di Luciano Tricarico
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/07/2015 13:19:45

È una piccola festa, di paese,

il suono di campane,

mogli sottobraccio ai mariti

seguiti da adolescenti

che si scrutano di sottecchi;

precoci interludi di futuri matrimoni.

La piazza all’ombra del campanile

è addobbata a gran pavese,

fili di lampadine sospese si stendono

come un’intricata ragnatela,

bancarelle attorno racchiudono

paesani fra dolcetti, ninnoli e profumo

di pietanze gustose.          

Sul piccolo palco un’orchestrina improvvisata,

suona ballate popolari

di memoria perduta.

Tutti presenti col vestito buono,

quello che dei giorni migliori.

Il sindaco sfoggia la fascia tricolore;

negli anni si è tanto ristretta

per quanto lui allargato,

la causa è del tessuto, ribadisce;

sorridono sotto i baffi e annuiscono.

Il parroco del paese, don Sante,

per l’occasione srotola le maniche della tonaca,

mescolandosi alla sua gente.

È il più temuto,

non c’è domenica

senza strali infuocati.

Presenti al completo,

più per il sermone inquisitorio

che per pura fede;

burbere pecorelle, brava gente.  

Gioisce in cuore, figli suoi.

Qualcuno viene da fuori,

giovanotti dei paesi vicini,

guardati di sbieco, portano guai,

rubano le nostre figlie;

una guerra lunga più di cent’anni

a volte cruenta, senza vittime,

teste rotte, teste dure.

Tonio è il matto del paese

(ogni paese ne ha uno, è una regola fissa)

non c’è sasso che non lo conosca

ne uomo né donna gli sono sfuggiti;

mi dai una moneta, hai una sigaretta?

Qualcuno elargisce.

Il salumiere prepara un panino, ogni giorno,

contro le ridondanti rimostranze della moglie,

che di salami ne ha sicuramente

più mangiati che venduti;

viene sempre alla stessa ora.

Il tabaccaio tiene in serbo

un pacchetto di diana,

una al giorno,

lo fumerebbe nel tempo di un’ora.

Spesso lo cacciano via,

senza infierire.

Le braghe a metà del sedere

e la camicia raffazzonata,

cammina da mane a sera,

senza meta e senza tempo.

Si narra che da bambino fosse normale

di grande intelligenza,

cambiò un giorno.

Colpa della madre,

incinta non si sa da chi;

dicerie di paese.

Ridono, scherzano, mangiano e bevono,

bambini corrono fra le bancarelle, urlanti,

in mano bastoni dolci, mele glassate, zucchero filato,

faranno tardi, domani è riposo.

È bello vedere la gente felice.

Torno, dopo anni d’esilio errante,

un continuo di case e supermercati

mi accoglie,

non c’è spazio fra i paesi.

È cambiata anche la piazza,

piastrellata, contornata da led blu;

per me è astratta.

Molte più bancarelle,

un palco enorme, da concerto rock,

un’orchestra variegata,

di elementi atteggiati a star,

suonano polka e mazurka,

a volume altissimo;

invitano gli attempati ballerini

a scatenarsi nella danza.

Molta, molta più gente,

chi spinge, chi urla per farsi sentire,

si impreca al furbo che salta la fila

davanti a chioschi

di specialità internazionali.

Mangiano veloci, senza gusto,

su isole solitarie,

i bambini composti, vestiti alla moda,

si guardano attorno

cercando un salvagente a cui aggrapparsi.

I giovani , immersi nel mondo virtuale,

non cercano sguardi furtivi.

Ne parroco, né sindaco,

nessuno che conosca.

Raccolgo risate di ubriachi;

non credo che valgano.

Fra i tavoli,

le braghe a metà del sedere

e la camicia raffazzonata;

mi dai una moneta, hai una sigaretta?

Eccolo il mio salvagente,

gli vado incontro e l’abbraccio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Luciano Tricarico, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Luciano Tricarico, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ehi ragazza (Pubblicato il 13/01/2020 14:20:25 - visite: 26) »

:: Il poeta e il marinaio (Pubblicato il 03/10/2016 15:34:50 - visite: 436) »

:: No (Pubblicato il 03/10/2016 15:29:42 - visite: 303) »

:: Il lavoro nobilita l’u... (Pubblicato il 11/01/2015 15:16:22 - visite: 426) »

:: Sconosciuto (Pubblicato il 19/11/2014 15:57:30 - visite: 538) »

:: Va l’aspro odor dei vini... (Pubblicato il 08/11/2014 12:23:09 - visite: 472) »

:: Mondo imperfetto (Pubblicato il 30/10/2014 13:35:14 - visite: 385) »

:: E poi...son pazzo (Pubblicato il 26/10/2014 11:04:01 - visite: 571) »

:: Erbe infestanti (Pubblicato il 21/10/2014 13:43:50 - visite: 532) »

:: Stella cadente (Pubblicato il 20/10/2014 12:57:54 - visite: 524) »