Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 338 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Dec 2 00:32:49 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Avuncola

di Massimo Celegato
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 24/01/2017 22:17:42

Nelle tue rughe una sapienza antica;
nei tuoi occhi una luce mai sparita.
Nella tua voce il canto della storia,
 nelle tue mani il dono di una memoria.
 
 Guardi nel vuoto futuro
 con occhi che sanno di pianto duro,
 con strazio di malcelato dolore,
 con suoni ancora ricchi di calore.
 
 Della bellezza orgogliosa
 resta una pelle grinzosa,
 del dolce sorriso,
 che ti illuminava il viso,

resta vaga una mezzaluna,
 abbozzo di inesperta Fortuna.
 
 Né la tua voce si flette commossa,
 né le tue rughe mostrano le ossa.
 Né le tue dita posano sui ricami,
 né i tuoi occhi su coloro che ami.
 
 Spente le vive luci al domani,
 giunte in preghiera le mani;
 posi le tue membra corrose
 e, se mai dei tuoi voli di gioventù
 lo zefiro del passato ti riporta le rose,
 a danzare incominci tu,
 le labbra schiuse al tenue sorriso,
 misera rugiada al secco tuo viso.


Allora in un'esaltazione di vittoria
 i tuoi occhi di antica cerbiatta
 ritrovano i ruscelli della memoria,
 torrenti di una scrosciante commozione,
 che fa vibrare il canto sulla tua voce d’emozione.
 
 "Dove vanno, avuncola, i canti dei vecchi?"
 A preparare la culla che li accoglierà bambini,
 dove i desideri sono come specchi
 di sogni che non hanno più confini.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Massimo Celegato, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Massimo Celegato, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: L’ultimo viaggio (Pubblicato il 05/03/2017 19:39:46 - visite: 291) »

:: La nostra sera (Pubblicato il 05/03/2017 19:32:12 - visite: 186) »