Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 262 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Sep 16 19:30:58 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

.La ballata di Michelle.

di Benny Nonasky
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/02/2017 16:12:19

(Dal libro "Imàgenes Trasmundo")

 

Verrà il giorno che quell’uomo si alzerà,

ben vestito, col fallo mozzato;

aprendo le tende di biancospino,

ascoltando gli abeti bruciare;

annusando l’amaro odore di sangue

che percorre le strade stellate dell’universo,

mentre le tarme divorano i suoi capelli,

mentre i rospi sputano sui suoi occhi;

quell’uomo si alzerà –

ben vestito, col fallo mozzato – e

urlerà:

    <<Basta!>>

 

e sarà il giorno

che

il liuto sul ventre della cavalla si apra

come un melograno maturo e divori se stesso,

che

il colombre argentato azzanni l’orizzonte per

scardinare le sette porte e

lasciare che la loro voce si innalzi

a baciare le alture di Machu Picchu,

che

il vulcano, figlio della collera d’Eva,

riprenda a piangere sulla meridiana

del Tropico del Cancro,

e che l’incompleto

azioni il rubinetto antartico cosicché

il monsone CO2 sciolga l’emerso

defluendo nell’urna notturna del cosmo,

vagando sul coccodè del primo giorno.

 

Rimarrà ciò che si dice che in principio fu:

il niente.

 

Lo sappiamo Michelle:

    bravi ad evitare le buche,

    molto meno nel coprirle.

Lo sapevano i treni a vapore nello Yucatan.

Lo sapevano i bambini

nelle fabbriche di Londra.

Lo sapevano gli scoiattoli

intorno a Chernobyl.

Lo sa l’ecosistema amazzonico

distrutto dalla soia cinese e

lo sanno a Linfen e a Mailuu-Suu col cancro

e l’arcobaleno color piombo patinato.

Lo sapevamo a Tokyo, lo sapevamo a Copenaghen;

lo sappiamo perché ci conviviamo. Punto.

 

Nessun assolto. Punto.

Tutti imputati nel grande processo

contro la vita:

uomo contro natura,

uomo contro uomo. Punto.

 

(C’era cu c’era)

 

Le promesse hanno fatto rima con le menzogne,

l’indifferenza ha creato uno spazio sufficiente

per renderci amebe vittime,

la tecnologia ci ha illusi

giocando con le parole:

male maggiore con male minore, perché

è semplice credere di essere onnipotenti,

perché

è facile attendere un tempo più rigoglioso,

perché

è onesto recepire un guadagno da un omicidio,

perché

lo sappiamo Michelle

che la pratica meno dolorosa

era quella di non pensare a ogni conseguenza

perché

è semplice rattoppare il presente,

perché

è facile trovare qualcosa su cui scaricare le colpe,

perché

è onesto essere moderni avendo un computer

al posto del cuore e trecento chili

di pollo avariato nel mega frigo

a sensore ultrasuoni.

 

No Michelle, nessun assolto.

Cadremo tutti nel nostro cilindro rovesciato

e annegheremo nell’acido da noi sputato

per secoli e secoli

come alcool sul fuoco,

come scusa per il freddo.

 

Riscalda la minestra,

alleviamo i nostri dolori

con un po’ di Malox

e fugaci segni a croce,

ma la febbre ustiona la crosta spellata,

la febbre cinge

le ossa esili dell’ulivo

tremano le foglie,

e trema la terra a ogni straziante squarcio

di tenebra che si schiude

dal centro del sinedrio

dove si pone la firma dell’ultimo atto.

E potrai piangere quanto vorrai,

ma non ne usciremo più, perché

ci siamo prefissati di non chiedere mai scusa;

perché le bombe hanno necessità di mangiare,

come l’uomo, i robot, la rapidità.

 

Lo sappiamo Michelle

  rimarrà ciò che si dice che in principio fu:

  il niente.

 

Allora, ti chiedo un ultimo favore,

prima di salpare sull’eterno battello

del felice occaso:

balla.

Balla fino a quando

ti si scuoino la pianta dei piedi

e non ti baceranno la carne cruda.

Balla.

Balla fino a quando qualcuno scenda

dal suo piedistallo di zinco cromato,

a dirti:

    <<Oggi si può stare peggio,

     non siamo tutti uguali.>>

Balla sui maiali viziati e le vacche sacre

davanti a donne avvizzite che chiedono elemosina.

Balla sopra le guerre e i suoi giovani cadaveri.

Balla intorno alle discariche d’amianto

con smorfie e gesti di derisione.

Ridicolizza il male, rendilo banale

con le tue movenze insignificanti,

fammi scompisciare dalle risate

per la merda che placidamente ci vive vicino.

Non avere vergogna (come Noi),

non avere pudore (come Noi),

non avere rimorso (come Noi).

Ridicolizza come tutti fanno

con tutti e con tutto.

Renditi stupida e felice (come Noi).

Balla.

Balla e concludi quello che puoi

perché

no, non ne usciremo più -

prefissati come siamo a non chiedere mai scusa

e di non pagare per i delitti commessi.

        (A cumbinzioni futti a genti)

 

Lo sapevamo Michelle:

la natura fa il suo corso:

con o senza interferenze,

con o senza conseguenze. Punto.

 

E allora balla.

Balla e concludi quello che puoi.

Balla e resisti
fino all’ultimo sospiro,

fino al primo scricchiolio,

perché

quell’uomo si alzerà –

ben vestito, col fallo mozzato – e

urlerà:

    <<Basta!>>


e sarà il giorno.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Benny Nonasky, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Benny Nonasky, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: .13 odi per Lei. (Pubblicato il 18/02/2017 16:19:14 - visite: 425) »

:: .Quattordici eterno. (Pubblicato il 18/02/2017 16:17:20 - visite: 381) »

:: .Mama. (Pubblicato il 18/02/2017 16:15:57 - visite: 321) »

:: .1948 forever. (Pubblicato il 18/02/2017 16:13:50 - visite: 263) »

:: .Plutone. (Pubblicato il 18/02/2017 16:11:12 - visite: 365) »

:: .Meraviglia della luna. (Pubblicato il 18/02/2017 16:08:45 - visite: 240) »

:: .Il volo delle promesse. (Pubblicato il 18/02/2017 16:06:08 - visite: 213) »

:: .La litania. (Pubblicato il 18/02/2017 16:04:57 - visite: 206) »

:: .La lenza di Davide. (Pubblicato il 18/02/2017 16:01:48 - visite: 230) »

:: .Gramo a largo di una notte speciale. (Pubblicato il 18/02/2017 16:00:57 - visite: 226) »