Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 165 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri May 24 07:03:55 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Permuta silenziosa

di Paulie Flamant
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/01/2018 21:51:18

Notte morta o annoiata o subdola?

Non puoi concentrarti sul respiro e sul suono della pioggia.

Non puoi passarmi oltre, imploro o spergiuro?

Non ripetibile la tensione, non misurabile l’eco della tua eloquenza.

 

Catene coperte di ruggine giustificano

pezzi di pane rancido ai piedi

e occhi mistici, sguardo fermo, nuvole dense

sono mentolo decongestionante sul cuore.

Il calore delle tue mani non basterà a vincere la mia guerra.

 

Sento il ritmo del mio tempermento zoppo,

Raccontami il tuo.

Non tornerò giovane, ma la mia arte magica non darà più spazio alla materia.

Peccato che il calore delle tue mani non basterà a vincere la mia guerra.

 

Ah! Come aspettavo questo tuonare di teoremi e pensieri usuranti.

E non hai paura quando fingo.

E non hai hai paura di ammonirmi ancora.

Forse il tuo spirito non è passato oltre?

E le tue mani chissà se sono davvero calde.

E le tue mani chissà se sono ancora calde.

 

Se niente è casuale vorrei capire che reazione porterà questo scambio

di colpi di ossigeno di cortesie.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Paulie Flamant, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Mulino a vento (Pubblicato il 10/03/2018 10:08:49 - visite: 233) »

:: 23 maggio 2017 (Pubblicato il 23/05/2017 16:52:58 - visite: 312) »

:: (Pubblicato il 29/04/2017 11:45:20 - visite: 236) »

:: non curo creature (Pubblicato il 19/01/2017 16:16:27 - visite: 441) »

:: le bleu (Pubblicato il 17/11/2016 18:00:18 - visite: 298) »

:: Odori di legno bagnato (Pubblicato il 27/10/2016 09:08:13 - visite: 436) »

:: 16 apr 16 (Pubblicato il 25/04/2016 14:53:14 - visite: 558) »

:: tic tic (Pubblicato il 01/02/2016 16:37:48 - visite: 587) »

:: Incarni la spinta finale del parto... (Pubblicato il 29/10/2015 20:40:10 - visite: 634) »

:: h.y. (Pubblicato il 14/09/2015 23:19:41 - visite: 634) »