Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 248 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri May 24 10:41:23 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La page blanche

di Ivan Pozzoni
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 29 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 31/05/2018 23:27:50

 

Á partir d'une page blanche se fabrique

en quarante jours un beau bateau d’aujourd’hui

 

mangez des noix.

 

Mangiano voci

 

se hanno carta bianca, i nuovi scrittori che cantano senza Musa

emulerebbero Géricault nella sua zattera della Medusa.

 

L’arte italiana è diventata un assalto al forno,

sbocciano versi a «cazzo» che neanche i membri di un film porno,

anche nel Poetryweb l’attore si confonde con il montatore,

rigurgitando testi tanto anacronistici da finire in copertina su Le Ore.

 

La democrazia lirica non deve essere una lirica da due lire,

indispensabile è studiare e non è vietato, severamente, approfondire

oramai tutti improvvisano, protesizzatisi con un bloc-notes,

come se invece che far cultura dovessero iscriversi a Tú sí que vales.

 

Per la scrittura sul www dovremmo mettere un test d’ingresso,

vietato toccare la tastiera sotto minaccia di sollecito decesso,

non occorre all’arte tardomoderna, Lucini docet, attempiarsi rivoltelle,

la malattia incurabile d’inizio secolo si chiama Adsl.

 

     [inedito, 2018]


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 29 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Ivan Pozzoni, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Il chihuahueño di Port-royal (Pubblicato il 24/08/2018 00:00:40 - visite: 192) »

:: I giornalisti (Pubblicato il 22/07/2018 00:48:10 - visite: 240) »

:: Chi ci capisce è bravo (Pubblicato il 20/07/2018 01:47:08 - visite: 181) »

:: La partitocrazia dei trolley è mediazione (Pubblicato il 06/06/2018 23:09:01 - visite: 209) »

:: Il tango del bandolero (Pubblicato il 06/06/2018 00:05:45 - visite: 213) »

:: Fuori dagl’ischemi (Pubblicato il 05/06/2018 00:22:38 - visite: 173) »

:: Me ne frego (Pubblicato il 04/06/2018 00:45:34 - visite: 207) »

:: Mona Frida smile (Pubblicato il 03/06/2018 02:32:41 - visite: 174) »

:: Fiorello m’annoia (Pubblicato il 02/06/2018 00:01:53 - visite: 180) »

:: La malattia invettiva (Pubblicato il 30/05/2018 23:21:17 - visite: 176) »