Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 81 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri May 17 13:28:19 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Riflessi di lago

di Carlo Rossi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/02/2019 16:42:51

Riflessi di  lago

 

Accendono i miei passi

Dolci riflessi di lago, scivolano su timide

Onde che parlano come voci al cuore.

Amiche di giovani stagioni.

Riflessi di lago appartengono a molti cammini. In albe e tramonti.  

Ormai, esposti in un verso sognante, d’armonico calore.

Dalla montagna s’infrange sul volto un bellissimo freddo vento.

Accarezza i nostri complessi pensieri. E ci trova

Intrecciati come inscindibili, questo vento,

Reti di gardesani da nodi unite dalle loro mani.

E ci vediamo così riflessi nelle tue acque pescose,

Che abbondanti appartengono alla terra.

Riflessi di rose

All’alba trafiggono persino il buio di questa notte.

Accompagna un pensoso racconto 

Questo  profondo e silenzioso buio. E mi ricorda

Libertà, parola che raccontavi  

Nel rivedere la tua Argentina adolescenza, intensa come

I bagliori di giovinezza che arrossavano le tue guance.

Persino turbavano la luna in quiete.

Apparente. Come non ho paura delle tue parole

D’abbandono. S'intrecciano al nostro resta

I due corpi. Sono campane, legate da mani inebriate. E noi due

Diventiamo

Riflessi di lago .


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Carlo Rossi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: E poi si accende la gioia (Pubblicato il 15/05/2019 16:57:08 - visite: 26) »

:: Di luna calante (Pubblicato il 08/05/2019 12:59:58 - visite: 20) »

:: Ombra sulla luna (Pubblicato il 02/05/2019 09:05:22 - visite: 32) »

:: Sei la mia piccola goccia (Pubblicato il 26/04/2019 13:33:26 - visite: 26) »

:: La croce di fuoco (Pubblicato il 17/04/2019 09:25:46 - visite: 47) »

:: La Delusione (Pubblicato il 15/04/2019 11:04:13 - visite: 49) »

:: E’ sufficiente (Pubblicato il 11/04/2019 10:24:06 - visite: 53) »

:: Tra vecchio e nuovo (Pubblicato il 03/04/2019 15:20:12 - visite: 69) »

:: Infinito silenzioso (Pubblicato il 19/03/2019 16:44:32 - visite: 69) »

:: Primavera (Pubblicato il 15/03/2019 12:15:29 - visite: 80) »