Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 122 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue May 21 16:24:30 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

A Maria Goretti

di Giulia Bellucci
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/02/2019 22:17:40

Nel tempo che più non riposa

la terra, di placido verde

si tingono i campi e si sperde

lo sguardo sulla coltre erbosa.

 

Fioriscono in cerca di luce

su fragili steli i boccioli

spezzati da ignari caprioli

mai mossi da intento sì truce.

 

E tu eri il più umile fiore

tu, gemma gentile, gioivi

del bello a te intorno e sentivi

del tempo migliore l’odore.

 

Brillò nero un lampo offuscando 

lo sguardo di chi truce il cuore 

già aveva, mentre tu amore

nel tuo coltivavi, amando.

 

Brutale t’uccise la mano  

quel dì quand’ancora con fede 

guardavi alla vita. Mercede

chiamò la tua voce ed invano

 

non fu giacché il tuo perdono

concesse espiazione terrena

lenendo il tormento e la pena

di chi ricevette tal dono.

 

Rimase sul candido volto

bambino una luce ancor viva 

che rende gentili e ravviva

le spoglie. Ed eppure son molte 

 

le vite tuttora violate 

da uomo bestiale ed ingordo,

che resta impassibile e sordo

a grida d’aiuto strozzate.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giulia Bellucci, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Libertà (Pubblicato il 01/04/2019 18:25:05 - visite: 103) »

:: Rinascita#Poesiapoeti (Pubblicato il 21/03/2019 21:24:18 - visite: 86) »

:: Ebbrezza di Marzo (Pubblicato il 07/03/2019 19:09:49 - visite: 82) »

:: Leggerezza o egoismo? (Pubblicato il 21/02/2019 19:07:29 - visite: 93) »

:: Matera, città della Visitazione (Pubblicato il 19/02/2019 08:53:40 - visite: 86) »

:: Solitudine al tramonto (Pubblicato il 04/02/2019 15:57:19 - visite: 122) »

:: Preghiere silenziose#GiornoMemoria (Pubblicato il 22/01/2019 09:30:21 - visite: 209) »

:: Noi, piccoli frammenti dell’universo (Pubblicato il 19/01/2019 22:22:06 - visite: 134) »

:: Sonetto all’inverno (Pubblicato il 14/01/2019 09:20:02 - visite: 132) »

:: Se Tu chiamassi il mio nome (Pubblicato il 10/01/2019 21:15:28 - visite: 152) »