Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 86 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jun 11 05:12:23 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il cognome delle api

di Dereck Louvrilanmè
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/03/2019 15:51:37

 

 

Quando apparve la candela c’era già la fiamma.

Il fior fiore dell’antagonismo non bruciava, era là,

in carne: piroclastica ingente, di bocca in bocca.

Venne l’ape, un geometra puntuto, forse l’angelo che parlava

col linguaggio delle cabrate.

Il vento aveva l’aria di buon seminatore e fuochista di talento,

ma era dubbio e nel dubbio l’Altissimo Condizionatore serviva

with a name of your choice,

whit a puff.

L’atomo, e il suo piano industriale, fece presa.

Non ci siamo ancora.

Comunque, oserei dire che l’uomo esplose.

L’olio prese il posto del legno e del fulmine per fare luce fino alla cera.

Il pungiglione puntava il nord, l’alveare si affacciava a sud

e altre contrapposizioni del genere.

Ora lo stoppino è un proiettile, ma ieri non è peggio di domani.

Il termine medio tra loro è: paura; la lungimiranza prende tempo.

Questo era tra i titoli sulla panchina.

In un catenaccio con due chiavi di lettura: qui ti ho amato (per adesso).

Femminile penso, ma alle volte capisco niente.

In quell’attimo coesistono l’amore e il tradimento,

in quel momento un bacio può più del sesso.

Vorrei che la storia avesse qualcosa di vero:

i ruderi sono certi mentre certi ruderi s’inventano.

Amor mio, est in canitie ridicula venus.

La supremazia del ventre ha ragione quando serve

un fremito.

Posso dirti che c’è la stessa calamità nel bacio e nel melo.

Tendono ad un passaggio di stato nel quale gli atomi

si rivestono con ciò che trovano sulla sedia.

Ci allontaniamo di colpo per finire meglio.

E sempre in un colpo può svettare una storia,

svenarsi un corpo, svelare la tresca di tutti i sacramenti

mentre l’anima sverna agli antipodi della vita,

in quel miele che per adesso è ama(ro).

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Dereck Louvrilanmè, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Misticanze (Pubblicato il 03/05/2019 09:21:02 - visite: 62) »

:: Ai tuoi occhi oserei chiedere (Pubblicato il 21/04/2019 18:22:09 - visite: 84) »

:: Il condominio del fuoco (Pubblicato il 05/04/2019 15:09:12 - visite: 87) »

:: Indotto a fiori (Pubblicato il 12/03/2019 11:13:42 - visite: 102) »